giovedì, Luglio 18, 2024
HomeCulturaMaturità in Piemonte: dietrofront sulle ipotesi delle tracce

Maturità in Piemonte: dietrofront sulle ipotesi delle tracce

Oggi, in Piemonte, oltre 32 mila studenti, di cui 18 mila a Torino, stanno affrontando la prima prova dell’esame di maturità, un momento cruciale del loro percorso formativo. La prova, iniziata alle 8:30, consiste nel tema di italiano, l’unica prova comune a tutti gli indirizzi di studio, con sette tracce disponibili, definite dal Ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara come “interessanti”.

Contrariamente alle previsioni, le tracce non includono temi come l’anniversario dell’assassinio di Giacomo Matteotti, i 150 anni dalla nascita di Guglielmo Marconi o i 120 anni dalla nascita di Robert Oppenheimer, ma includono invece Ungaretti e Pirandello.

Per arginare i forfait dell’ultimo minuto di presidi e docenti, l’Ufficio scolastico regionale per il Piemonte ha reclutato insegnanti in pensione, coprendo così le necessità con una percentuale del 7% per i presidenti di commissione e meno dell’1% per i commissari esterni.

Il governatore Alberto Cirio ha inviato un video messaggio di auguri agli studenti, sottolineando l’importanza di questo momento. Anche l’assessore regionale all’Istruzione, Elena Chiorino, ha incoraggiato i ragazzi a dare il meglio, citando il famoso discorso di Steve Jobs.

La seconda prova, prevista per domani, varierà in base agli indirizzi di studio, con il greco per il liceo classico e matematica per lo scientifico.

Claudio Pasqua
Claudio Pasqua
Giornalista scientifico. Direttore ADI - Agenza Digitale Italiana
RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy