martedì, Settembre 27, 2022
HomeTurismoL’ESTATE DI TORINO 2022: TRA BOOM DI TURISTI E SERRANDE CHIUSE PER...

L’ESTATE DI TORINO 2022: TRA BOOM DI TURISTI E SERRANDE CHIUSE PER FERIE

Il caldo record non è certo l’unico dato rilevante per questa stagione estiva di Torino.

Le statistiche riguardante il turismo parlano chiaro:

Wallstreet English Torino

negli alberghi si registra un 60% di prenotazioni, e non solo in occasione di Ferragosto, ma per tutto il mese d’Agosto. Un bel +20% di voli diretti per Torino Caselle rispetto al 2019 (l’ultimo anno senza pandemia), e un 50% di turisti stranieri, francesi per lo più, mentre la seconda posizione la occupano i nord-europei seguiti da spagnoli e americani.

Le visite guidate culturali ed enogastronomiche sono tra le più richieste dai turisti (non solo stranieri ma anche italiani).

Le langhe, i musei e i ristoranti risultano essere “tra i primi pensieri” su dove trascorrere il proprio tempo, rispetto ad altri periodi dell’anno.

 Le persone non mancano, c’è voglia di condivisione, viaggiare e di stare fuori, fare attività a lungo precluse a causa degli ultimi due anni da lockdown e rigide norme restrittive.

Uno scenario perfetto, una descrizione idilliaca, da ripresa si direbbe, se non fosse che, in molti luoghi e zone della bella Torino, vi siano non poche serrande abbassate e strade deserte e non solo in periferia.

Il motivo è la voglia di ferie estive da parte dei commercianti?

Non totalmente, o meglio, non è la ragione primaria. Secondo diverse interviste da parte degli addetti a settori come abbigliamento, gastronomia e altre attività commerciali, le entrate giornaliere di Agosto, non coprono in modo soddisfacente le spese e le tasse imposte. Il turismo c’è, ma non è poi così interessato allo shopping o alle spese importanti. A peggiorare la situazione come “una vera e propria corda al collo” è il vertiginoso aumento dell’energia elettrica.

La scelta della chiusura è talvolta forzata, per risparmiare sul consumo della luce e altre dinamiche simili, poiché, non è certo l’unico bene ed essere aumentato. E’ un’emergenza da “bollino rosso”, ragion per cui, per evitare sontuose perdite, in vista della nuova stagione invernale, le imprese dovranno ricorrere a diverse strategie marketing per valorizzare al meglio i propri prodotti e servizi.

Si spera che lo Stato intervenga al più presto, con soluzioni e azioni importanti, se non vorrà assistere a una crisi senza precedenti. Come si sa, se crollano diverse imprese, crolla “la colonna vertebrale” di un’intera nazione.

Web agency di Torino come la Wolf Agency di via Cristoforo Colombo 2, di Moncalieri, specializzata in Seo e Strategie digitali (proprietaria della testata TorinoFree.it) , ha già messo appunto diversi piani risolutivi, rivolte a diverse tipologie d’impresa, per questa emergenza economica sempre più forte ed esasperante, aiutandole con delle consulenze Gratuite a migliorare il loro business.

RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy