mercoledì, Ottobre 20, 2021
HomeTurismoGAM di Torino: il grande patrimonio artistico moderno e contemporaneo

GAM di Torino: il grande patrimonio artistico moderno e contemporaneo

La GAM di Torino è la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea. È stata fondata nell’ultimo decennio del XIX secolo e le collezioni delle opere d’arte che si trovano all’interno del Museo GAM di Torino sono tutte in riferimento ad opere del XIX e del XX secolo. Molti sono gli artisti famosi anche per quanto riguarda le opere dell’Ottocento e del Novecento. Fra gli artisti più di spicco possiamo ricordare Antonio Canova, Giovanni Fattori, Mario Tozzi, Amedeo Modigliani, Pablo Picasso e Giorgio De Chirico. Ma scopriamone di più sulle caratteristiche della Galleria d’Arte Moderna di Torino.

ArredareModerno

Come arrivare alla Galleria GAM di Torino

La GAM di Torino può essere raggiunta in maniera molto facile attraverso diversi tipi di spostamenti. Per esempio si possono prendere mezzi pubblici di vario genere. Con la metropolitana si deve scegliere alle fermate Vinzaglio e Re Umberto. Il tram che arriva alla GAM è costituito dalle linee 9 e 15. Per quanto riguarda invece il bus ci sono tante possibilità, perché si può andare con la linea 5, 14, 33, 52, 64, 68.

Per chi arriva in treno è opportuno scendere alla stazione di Torino Porta Nuova e poi prendere il tram 9 o l’autobus 68, procedendo per due fermate fino alla Ferraris.

Anche in aereo si può raggiungere la GAM di Torino. Infatti dall’aeroporto di Caselle si può prendere il pullman fino alla stazione di Porta Nuova e poi proseguire con il tram o con l’autobus, come abbiamo specificato precedentemente.

La storia della GAM

La collezione di arte moderna cominciò ad essere messa da parte dalla città di Torino a partire dalla fondazione del Museo Civico, che avvenne nel 1863. Anzi possiamo dire a questo proposito che il capoluogo del Piemonte è stata la prima città in Italia ad impegnarsi in una raccolta pubblica di arte moderna.

Inizialmente la collezione che poi entrerà a far parte della GAM di Torino è stata depositata insieme alla raccolta di arte antica in un edificio presso la Mole Antonelliana. Successivamente si trovò un’altra collocazione: infatti le opere d’arte in questione dal 1895 al 1942 sono state esposte presso un padiglione in corso Siccardi, quello che adesso corrisponde a corso Galileo Ferraris.

Purtroppo la situazione non poté essere stabile, perché questo edificio è rimasto distrutto durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Nel 1959, in seguito ad una ricostruzione nello stesso luogo, è stato aperto un altro edificio, all’interno del quale è stata spostata la collezione di arte moderna.

Anche questa soluzione comunque non ebbe la fortuna sperata, perché negli anni ’80 il palazzo in cui si trovavano esposte le opere d’arte moderne e contemporanee è stato dichiarato inagibile. In conseguenza di ciò rimase chiuso per alcuni anni e riaprì nel 1993, dopo diversi restauri.

Gli allestimenti della collezione delle opere d’arte

All’interno della GAM di Torino è racchiuso un grande patrimonio artistico che è stato protagonista nel corso degli anni di vari tipi di allestimenti. Inizialmente tutto è stato organizzato secondo una successione cronologica. Poi nel 2009 si è proceduto attraverso una trama per tematiche, collegate a livello logico. Infatti la collezione è stata suddivisa in quattro tipologie, dal nome veduta, genere, infanzia e specularità.

Nel 2013 è stato proposto un altro allestimento e sono stati organizzati diversi percorsi, come per esempio l’infinito, la velocità, l’etica e la natura. Tra dipinti, sculture e video, la GAM di Torino possiede circa 47.000 opere. Nei sotterranei è possibile accedere ad una videoteca molto ricca di contenuti.

Gli orari e l’indirizzo

Quali sono gli orari della GAM di Torino? Diciamo subito a questo proposito che il museo è aperto dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18, con ultimo ingresso alle ore 17. È chiuso il lunedì. La GAM di Torino si trova in via Magenta, numero 31.

Il biglietto intero ha il costo di 10 euro, mentre il biglietto ridotto ha un prezzo di 8 euro. Si può entrare gratuitamente il primo martedì del mese e inoltre un accesso gratuito è anche riservato a coloro che possiedono la card dell’abbonamento ai musei di Torino e della Torino in aggiunta alla Piemonte Card.

I contatti

Per poter ricevere più informazioni anche sulle visite guidate e sulla prenotazione dei gruppi, è possibile parlare con un addetto della GAM di Torino ai seguenti contatti. Il centralino risponde al numero +39.0114429518. Inoltre si può scrivere per ulteriori informazioni all’indirizzo di posta elettronica gam@fondazionetorinomusei.it.

Il progetto in collaborazione con Google Arts

La GAM di Torino partecipa ad un interessante progetto in collaborazione con Google Arts. In effetti si tratta di un’iniziativa molto interessante, anche perché questa collezione di opere di arte moderna e contemporanea che troviamo nella città di Torino costituisce una tappa obbligata non soltanto per quei turisti stranieri che vengono in Italia, ma possiamo dire che rappresenta un punto di riferimento molto importante anche a livello europeo.

Tra l’altro nel corso del tempo le raccolte si sono arricchite con numerosi capolavori. Fra questi non bisogna dimenticare i grandi artisti del Novecento, tra cui Morandi, Casorati e Martini, che con i loro linguaggi espressivi sono capaci di guardare alle opere delle avanguardie internazionali, di cui tra l’altro anche la GAM presenta alcuni esempi da non perdere.

Con il progetto in collaborazione con Google Arts è possibile avere una visione a 360 gradi, anche in maniera virtuale, di questo museo. Ci sono infatti presenti sul sito di Google Arts, nell’apposita sezione dedicata alla GAM, diverse esposizioni online molto piacevoli.

Tra queste possiamo ricordare una spiegazione online per capire di più che cos’è questa Galleria Civica di Arte Moderna e Contemporanea di Torino, un percorso di visita della GAM in mezz’ora e l’esposizione online “La GAM a colori”.Inoltre sul sito di Google Arts vengono fornite delle informazioni storiche che riguardano proprio la costituzione dell’edificio in cui sono ospitate queste importantissime opere d’arte ed è possibile visualizzarne alcune in primo piano, fra le più splendide, che vengono riprodotte in una vera e propria galleria fotografica. L’esperienza della visita alla GAM quindi si arricchisce di nuove potenzialità grazie alle moderne tecnologie e alle possibilità determinate e messe a disposizione dalla rete e dal digitale.

Redona Tela
Redona Tela, ho 27 anni e vivo a Moncalieri in provincia di Torino, studentessa di scienze della comunicazione presso l'Università di Torino e Digital Strategist e copywriter presso la Wolf Agency. Nel tempo libero mi piace leggere libri gialli, fare lunghe passeggiate nella natura e visitare musei e mostre fotografiche. Amante della cucina e soprattutto alla costante ricerca di sapori e piatti nuovi da assaggiare in giro per sagre ed eventi di paesi.
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments

Privacy Policy Cookie Policy