giovedì, Febbraio 22, 2024
HomeSportCannavacciuolo a Torino per Toro-Napoli: insultato pesantemente allo stadio

Cannavacciuolo a Torino per Toro-Napoli: insultato pesantemente allo stadio

Si è tenuta ieri la partita-scontro tra le due squadre calcistiche, la Granata Torino e il Napoli.

Il risultato finale ha visto la vittoria dei fuorisede napoletani che hanno regalato forti emozioni e soddisfazioni ai propri tifosi, e un po’ meno a quelli dei fedelissimi del Toro.

Tra i tifosi del Napoli,  Antonino Cannavacciuolo giunto nella città torinese appositamente per assistere alla partita del suo Napoli, capace di vincere e portare a casa un 4-0 e marciare sempre di più verso lo scudetto.

Lo chef stellato tuttavia, nonostante abbia un gran seguito e molti fan,  non è ben voluto e accolto in maniera positiva dai tifosi del Toro.

Insultato e mal accolto dai tifosi granata, la giornata di Cannavacciuolo alla stadio torinese

Durante il match, dagli spalti, lo chef Antonino Cannavacciuolo è stato preso di mira dai tifosi granata, si sono levati cori e insulti molto pesanti, con tanto di scene filmate e poi pubblicate sul web il video dagli stessi tifosi del Toro.

Da “ciccione” a “cuoco di m***“, diverse frasi di bullismo hanno fatto da sfondo a questi video digitali. Cannavacciuolo che si è mostrato alquanto colpito dai cori dei tifosi della cittadina torinese e in cui vi è collocato uno dei suoi tre locali piemontesi, il Bistrot Cannavacciuolo a Torino.

La reazione dello chef stellato

All’ennesimo insulto ricevuto dai Granata, lo chef ha reagito anch’egli, rispondendo in maniera social. Cannavacciulo ha postato un video che è diventato virale in breve tempo sui social network, Cannavacciuolo ha fatto dei segni ai tifosi maleducati mostrandosi contrariato alla situazione creata da questi bulli.

Al suo fianco molto stupiti la moglie e la famiglia.

In difesa dello chef si è mosso il mondo internet, ossia, moltissimi utenti che hanno assistito a queste riprese choc.

L’atto è stato, inoltre, commentato anche dal deputato Francesco Emilio Borrelli, che ha definito il tutto un gruppo di persone “non gradite allo stadio, e sarebbe il caso di fare svelte “disinfestazioni” a questo genere di presenze”

Cristina Taverniti
Cristina Taverniti
Torinese con la passione per la scrittura e per la fotografia. Credo fermamente che ogni giorno ci sia una storia che valga la pena d'essere raccontata e conosciuta. Ho frequentato l'Albe Steiner e l'università degli studi Alma Mater di Bologna, facoltà Tecniche e culture della Moda, ma non smetto mai d'imparare e conoscere cose nuove!
RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy