mercoledì, Gennaio 26, 2022
HomeInnovazioneLa realtà aumentata raggiunge i Musei Reali di Torino con l'App ...

La realtà aumentata raggiunge i Musei Reali di Torino con l’App MRT Virtual

Cultura innovativa che va a braccetto con la tecnologia. Ai Musei Reali di Torino sbarca MRT Virtual, l’applicazione di realtà aumentata per nuove esperienze all’interno dei musei.

Realtà aumentata con MRT Virtual: trasformazione ed innovazione digitale con il piano GoDigital!

L’App è stata ideata e sviluppata da VisivaLab e Ribes Solutions, trovabile e gratuitamente scaricabile dai sistemi sia iOS che Android, rispettivamente da App Store e Google Play Store.

ArredareModerno

Mentre, per chi viene colto alla sprovvista da questa novità, potrà tranquillamente inquadrare il QR Code posizionato all’ingresso dei Musei Reali così da poter vivere l’esperienza.

Come funziona? È semplice. Attraverso la fotocamera del proprio smartphone, si inquadrano i punti d’interesse all’interno dell’area e l’applicazione provvederà a fornire tutti i dati e le immagini, come contenuti testuali e video, foto e così via; il tutto in realtà aumentata, per rendere più coinvolgente e appassionante l’esperienza culturale.

L’idea di MRT Virtual è nata anche con la collaborazione della Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino. Contenitore multimediale ed informativo, oltre che empirico, andrà sempre più ad arricchirsi per offrire descrizioni sempre più dettagliate e ampie.

Ma, ad abbracciare questo progetto, è un piano più grande che prevede dei cambiamenti profondi ed importanti, sia per i Musei Reali che per il pubblico. Si chiama GoDigital! ed è un piano di trasformazione digitale che, già dal 2022, sfornerà innovazioni e cambiamenti sia nei servizi che nei contenuti offerti dai Musei. Alcuni di questi riguardano:

  • sito web: completamente rivisitato ed aggiornato, sia nella grafica che nei contenuti e nei servizi.
  • percorsi nei musei: digitalizzati, con una nuovissima segnaletica che indica le strade all’interno.
  • Wi-Fi: elargire il servizio gratuito in tutti i Giardini Reali.
  • Feedback dell’esperienza: posizionando una struttura dove sarà possibile indicare il livello di gradimento.

Questi sono solo alcuni dei primi cambiamenti verso la tecnologia dei Musei Reali.

Altre applicazioni per consultare e visitare siti di importanza culturale 

Non solo per i Musei Reali, l’innovazione tecnologica è sbarcata, negli ultimi mesi, anche in altri luoghi importanti. È difatti disponibile una applicazione anche per visitare:

  • Palazzo Madama e Sala della Vita del Museo Egizio;
  • Complesso di Stupinigi con l’iniziativa europea S-T-Arts;
  • MAO-Museo d’Arte Orientale (App ancora in fase di progettazione).
Federica Felice
Formata come Interior&Garden Designer, ho frequentato un corso di giornalismo che mi ha permesso di prestare servizi come copywriter e ghostwriter. Sono curiosa di natura e, tra i diversi interessi, ho la passione per la fotografia e i libri/film gialli.
RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy