mercoledì, Gennaio 26, 2022
HomeNewsSqualo Palombo comune: il primo caso di nascita virginale

Squalo Palombo comune: il primo caso di nascita virginale

È stato documentato il primo caso al mondo di riproduzione virginale di uno squalo Palombo comune. Dall’IZSPLV arriva la conferma scientifica.

Partenogenesi squalo Palombo: primo caso al mondo

Dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta (IZSPLV) arriva proprio la conferma scientifica, successivamente alle analisi genetiche sui campioni biologici.

ArredareModerno

È il primo caso al mondo di riproduzione virginale documentato scientificamente per questa specie.

Si chiama Ispera l’esemplare femmina di Palombo – Mustelus Mustelus, nata per partenogenesi (ovvero senza nessuna fecondazione di un esemplare maschio) nel maggio 2021, presso l’Acquario Cala Gonone – Dorgali, NU.

In questa enorme vasca pelagica, di circa 300.000 litri, che accoglie numerose specie mediterranee e dove si trovano da 10 anni due esemplari di femmine adulte di Palombo, è venuta alla luce Ispera.

Le analisi sono state indirizzate anche per capire da quale delle due femmine è avvenuta la partenogenesi. Per farlo sono stati impiegati dei ‘marcatori microsatellite’, appositi per questa specie di squali.

Oggi Ispera misura circa 45 cm e pesa circa 1.200 grammi, è in ottima salute e segue una dieta variegata di pesce.

Già nel 2020 successe una cosa analoga, dove purtroppo la nascitura non era sopravvissuta.

Squalo Palombo: perché è una notizia straordinaria

Questa nascita, viene considerata un grande evento perché lo squalo Palombo è in grave rischio d’estinzione. E questo a causa della pesca intensiva ed eccessiva nei confronti di questa specie.

Difatti, il Palombo, è stato inserito nella lista rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) come specie vulnerabile.

Della famiglia dei Triakidae, il Mustelus mustelus è comunente noto come Palombo. Si incontra prevalentemente nel Mar Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico.

Non viene considerato un essere pericoloso per l’uomo nonostante la sua grande taglia che può arrivare fino a i 2 metri. La media di vita di questi squali è di 24 anni.

Federica Felice
Formata come Interior&Garden Designer, ho frequentato un corso di giornalismo che mi ha permesso di prestare servizi come copywriter e ghostwriter. Sono curiosa di natura e, tra i diversi interessi, ho la passione per la fotografia e i libri/film gialli.
RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy