domenica, Settembre 26, 2021
HomeInnovazioneI nuovi autobus elettrici sono pronti a debuttare a Torino

I nuovi autobus elettrici sono pronti a debuttare a Torino

Una vera svolta nell’ambito della mobilità sta per cambiare le sorti della metropoli piemontese. I nuovi autobus elettrici cambieranno il volto dei trasporti pubblici torinesi.

Sono in procinto di debuttare i primi trentotto su un totale di cinquanta autobus elettrici che presteranno servizio sulle strade di Torino. Questa manovra innovativa nell’ambito della mobilità permetterà al comune di rottamare i vecchi mezzi, ridurre l’impatto ambientale e, soprattutto, dare una marcia in più alla svolta nei trasporti pubblici già avviata nel corso di questi anni con ben duecento nuovi autobus messi su strada per volere dell’amministrazione comunale. Poco tempo fa, infatti, la sindaca di Torino, Chiara Appendino e l’assessora alla viabilità e ai trasporti Maria Lapietra hanno annunciato l’arrivo dei primi trentotto mezzi su strada, spiegandone anche i tratti più innovativi.

Info sui nuovi autobus elettrici a Torino

I nuovi autobus che rinnoveranno il trasporto pubblico torinese non hanno gli specchietti retrovisori. Si serviranno, invece, di sistemi tecnologici innovativi che, grazie ad un sistema di telecamere, aiuteranno l’autista. Non solo. Questi mezzi si ricaricano in sole quattro ore quando sono completamente vuoti. La manovra non è servita soltanto a portare una ventata d’aria fresca nei trasporti pubblici torinesi. I nuovi autobus, infatti, hanno permesso l’assunzione di ben undici autisti. Nei prossimi mesi arriveranno anche 70 nuovi tram.

ArredareModerno

Pare che i pullman elettrici saranno molto più comodi di quelli vecchi ad iniezione e che favoriranno l’entrata e l’uscita dei cittadini disabili. Dopo un periodo burrascoso in cui hanno rischiato di essere svenduti ai privati, i trasporti pubblici torinesi hanno affrontato e, a tutt’oggi, sono protagonisti di una vera e propria rinascita, grazie ai lavori per la Metro 2 che collegherà Torino Nord e Corso Orbassano, ai 100 km aggiunti ai precedenti 200 di piste ciclabili e, infine, con l’introduzione del pagamento elettronico dei biglietti in metro sui nuovi mezzi.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments

Privacy Policy Cookie Policy