sabato, Gennaio 28, 2023
HomeNewsLiceo Cavour di Torino: Azione Studentesca protesta contro le misure pro-gender

Liceo Cavour di Torino: Azione Studentesca protesta contro le misure pro-gender

I militanti di Azione Studentesca Torino protestano contro le iniziative di sensibilizzazione rispetto all’identità di genere promosse dal Liceo Cavour.

Liceo Cavour di Torino: Azione Studentesca protesta contro le misure pro-gender

Azione Studentesca Torino è l’organizzazione giovanile di Fratelli d’Italia, la cui posizione politica rispetto all’identità di genere è nota agli elettori. In linea con il rifiuto del partito della cosiddetta “ideologia gender”, i giovani di Azione Studentesca hanno messo in atto una protesta contro le misure pro-gender implementate dal Liceo Cavour di Torino.

Wallstreet English Torino

Il Liceo Cavour di Torino si impegna infatti in iniziative che intendono sensibilizzare i giovani sul rispetto dell’identità di genere, una misura in questo senso è l’implementazione di bagni neutri.

A questa iniziativa i militanti di Azione Studentesca Torino hanno risposto con uno striscione sul quale si legge: “Fuori il gender dalle scuole”.

Dichiarazioni di Azione Studentesca Torino e della Senatrice FdI Ambrogio

I giovani di Azione Studentesca Torino hanno motivato la loro protesta con queste dichiarazioni da parte di alcuni responsabili:

“Abbiamo voluto protestare contro l’implementazione dei bagni neutri, misura irrispettosa del decoro e dell’intelligenza degli studenti. Questa è solo l’ultima follia pro-gender promossa da questo istituto, un trend preoccupante che non può passare inosservato. Le teorie di genere non sono altro che un ulteriore strumento per sradicare l’identità e le radici dei giovani e distrarre gli studenti dai reali problemi che li affliggono. Queste iniziative ci troveranno sempre pronti a esprimere il nostro dissenso”

La Senatrice di Fratelli d’Italia, Paola Ambrogio, è intervenuta sulla questione affermando:

“Ritengo che si stia alzando eccessivamente il livello di confusione: i nostri ragazzi dovrebbero essere lasciati liberi di frequentare la scuola senza dover essere bersagliati da campagne di “sensibilizzazione” rispetto alle identità di genere

Nunzia Cipolletta
Nunzia Cipolletta
Laureata in Comunicazione. Interessata alla politica e alla società. Amante di Musica, Cinema, Arte e Letteratura.
RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy