martedì, Gennaio 31, 2023
HomeNewsAmbulatori pediatrici a Torino Nord: alcune zone completamente scoperte

Ambulatori pediatrici a Torino Nord: alcune zone completamente scoperte

L’assenza di ambulatori pediatrici è un problema importante che affligge alcune zone di Torino, lo afferma la direttrice del distretto nord est dell’Asl Città di Torino.

Torino Nord: difficile convincere pediatri ad aprire un ambulatorio

La direttrice del distretto nord est dell’Asl Città di Torino,  Barbara Vinassa, ha esposto un problema importante che riguarda la zona nord est di Torino durante una seduta della commissione comunale che si occupa di sanità.

Wallstreet English Torino

Vinassa ha spiegato che: “Ci sono alcune zone dove è difficile convincere il medico di medicina generale e il pediatra di libera scelta ad aprire un ambulatorio anche se ce ne sarebbe bisogno”.

Per approfondire la questione ed evidenziare graficamente il problema, sono stati innanzitutto distribuiti tra i consiglieri comunali della commissione sanità dei dossier in cui figura la distribuzione territoriale degli ambulatori.

I territori a cui la direttrice fa riferimento appartengono alle Circoscrizioni 6 e 7 di Torino, cioè Barriera di Milano e Aurora. Il problema principale in queste zone riguarda l’assenza di ambulatori pediatrici.

Nelle Circoscrizioni considerate, infatti, ci sono 16 ambulatori, di cui la metà concentrati in una zona molto ristretta tra via Bologna e corso Giulio Cesare. L’altra metà degli ambulatori pediatrici si trova a Barriera di Milano. Le zone di Falchera, Barca e Bertolla sono completamente scoperte e sprovviste di ambulatori.

Possibili soluzioni: medici di medicina generale e incentivi

La questione diventa ancora più rilevante se si considerano i numeri: i 16 ambulatori delle Circoscrizioni 6 e 7 devono fornire assistenza ad una popolazione di 20.873 minori, di cui 8.643 tra gli 0 e i 5 anni e 13.509 tra i 6 e i 13 anni.

Certo è che nel secondo caso, cioè dei pazienti di età compresa tra i 6 e i 13 anni, potrebbero subentrare anche i medici di medicina generale. Tuttavia, la situazione relativa alla distribuzione degli ambulatori a Torino Nord non migliora neanche se si considerano i medici di medicina generale.

Sembra che il problema sia già noto alle autorità competenti: l’assessore Jacopo Rosatelli assicura che la questione verrà affrontata adeguatamente. Il Comune starebbe pensando ad incentivi per i pediatri che aprono ambulatori in territori poco o per nulla coperti.

Nunzia Cipolletta
Nunzia Cipolletta
Laureata in Comunicazione. Interessata alla politica e alla società. Amante di Musica, Cinema, Arte e Letteratura.
RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy