martedì, Dicembre 6, 2022
HomeInnovazioneBiblioteca Centrale di Torino: progetto vicino a concretizzarsi

Biblioteca Centrale di Torino: progetto vicino a concretizzarsi

Finanziato dal PNRR, il progetto per la Biblioteca Centrale di Torino sembrerebbe vicinissimo alla concretizzazione.

Nella mattina del 18 ottobre 2022, la società SCR ha presentato il Progetto di fattibilità tecnico-economica dell’opera. Si tratta di un documento importantissimo allo scopo di concretizzare il progetto della Biblioteca Centrale di Torino, attesa da diversi anni da Istituzioni e privati cittadini. Presentato presso il Foro regionale, l’atto ha ricevuto riscontri positivi da parte di Palazzo Civico. La nuova Biblioteca sorgerà, dunque, in Torino Esposizioni, nello storico edificio Razionalista risalente ai primi decenni del XX Secolo. La sua riqualifica interesserà parte dei fondi del Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza erogati dalla Comunità Europea.

Tutti i dettagli sulla struttura

Si estenderà per oltre 20.000 metri quadri, la nuova Biblioteca Centrale di Torino. La ristrutturazione dell’edificio sito in corso Massimo D’Azeglio rientra nel progetto “Torino il suo parco ed il suo fiume: memoria e futuro”, volto alla riqualificazione del Parco del Valentino, partita in seno alla spinta di Eurovision nella sua scorsa edizione e, in ogni caso, auspicata dalle Giunte susseguitesi nel corso degli anni all’ombra della Mole. Nel piano in oggetto rientrano anche il ritorno dei battelli sul Po e la riqualificazione del Borgo Medievale e degli stabili dell’area verde.

Wallstreet English Torino

Da Bruxelles arriveranno oltre 160 milioni di euro, da impiegare per mettere in atto i lavori sopracitati. La Biblioteca Centrale, per tornare al discorso centrale, andrà ad occupare i padiglioni 2 e 4 di Torino Esposizioni, offrendo la possibilità ai visitatori di accedere sia dal Parco che da Corso D’Azeglio. Si prospetta la messa in posa di una hall imponente con tanto di bar, caffetterie, punti vendita di libri e laboratori destinati ai bambini. Per ora, il progetto resta sulla carta, ma si prevede una partenza dei lavori per il 2024 ed un’ultimazione del sito nel 2026, salvo imprevisti di natura burocratica.

RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy