lunedì, Febbraio 26, 2024
HomeEconomiaTorino: assegnati i fondi "Vita nascente"

Torino: assegnati i fondi “Vita nascente”

Il progetto “Vita nascente”

Stanziati 400.000 euro per 19 progetti in tutto il territorio piemontese. A Torino vengono assegnati 15 mila euro per il bando “Vita nascente”, che si propone di dare sostegno alle donne che scelgono di non interrompere la gravidanza.

Le donne a cui è riconosciuto il fondo sono accompagnate in un percorso di ascolto, supporto e fornitura di beni e servizi. Inoltre, potranno sostenere i parti in anonimato e qualora non venisse riconosciuto il nascituro, la Città si occuperà del bambino fino al momento dell’adozione.

Un dibattito acceso

Maurizio Marrone, assessore regionale alle Politiche sociali, che ha voluto “Vita nascente”, esulta nell’affermare che questi fondi sono un passo in avanti per garantire il diritto alla vita.

La risposta di Jacopo Rosatelli, assessore comunale al Welfare, sottolinea l’importanza della candidatura della Città di Torino alla gestione dei fondi regionali, senza i quali non sarebbe stato possibile finanziare nuovamente la legge regionale sul parto in anonimato. Tuttavia, l’assegnazione di questi fondi non significa che Torino abbia aderito alla campagna contro l’aborto.

Rosatelli riflette sulla condizione delle donne, in particolare migranti. Pone l’attenzione sulla necessità di essere protette da un ambiente sociale ostile garantendo loro il tempo e lo spazio per maturare le proprie scelte dopo il parto.

Emblematiche anche le parole di Silvio Viale, consigliere a Palazzo di Città. Sostiene che il Comune di Torino ha fatto bene a partecipare al bando in quanto statisticamente non ci sono aborti per cause economiche. Si tratta di soldi in più per le attività di sostegno alle donne, non peggiorando di certo la gestione della 194 in Piemonte.

Giorgia La Greca
Giorgia La Greca
Laureata in Comunicazione interculturale e studentessa di Scienze internazionali. Porto ovunque con me la mia macchina fotografica per catturare istanti, paesaggi e creare storie con le immagini. Scrivo di cultura, eventi e società.
RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy