mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeCulturaIl Teatro Regio di Torino riapre finalmente il sipario con la Boheme

Il Teatro Regio di Torino riapre finalmente il sipario con la Boheme

Il 12 febbraio del 2022 si affermerà come una data molto importante per la storia del Teatro Regio di Torino che alzerà finalmente il sipario presentando la Boheme di Puccini dopo due anni di chiusure ministeriali.

L’emergenza pandemica da COVID-19 ha pesantemente impattato sul panorama culturale internazionale. Nei mesi in cui le restrizioni sono diventate più aspre, il mondo dell’arte ha accusato, in particolare, un colpo durissimo. Chiusure estensive, rimandi e cancellazioni hanno completamente stravolto i piani di artisti, organizzatori e pubblico, ledendo pesantemente agli introiti di un settore sempre, ingiustamente, messo in ombra non solo nel Bel Paese. Finalmente, il Teatro Regio di Torino riaprirà le porte al pubblico presentando la Boheme di Puccini, questa sera, dopo aver perso l’occasione di proporre La Traviata di Verdi nel 2021, sempre a causa del COVID.

Tutte le novità sul Teatro Regio

In quasi due anni, il Teatro Regio ha apportato dei cambiamenti sul fronte della sicurezza per assicurare a tutti gli spettatori di poter godere delle proprie opere preferite nelle condizioni migliori. La struttura ha subìto lavori di miglioramento nell’impianto scenico, a seguito di un finanziamento da parte del Governo di 8,5 milioni di euro. La nuova stagione del balletto sarà segnata dall’inaugurazione del Teatro in piena capienza. Sono Paolo Gavazzeni e Piero Maranghi i registi incaricati di curare la Boheme questa sera.

Grazie ai recenti finanziamenti ottenuti dal Ministero della Cultura, il Teatro Regio potrà vantare di essere tra i più tecnologici d’Italia. Le migliorie strutturali, infatti, continueranno in giugno, mese in cui le rappresentazioni saranno spostate nel cortile dell’arsenale. La prima volta che la Boheme fu messa in scena in tempi di pandemia al Regio fu nel 2021, in un teatro deserto, con Sky a trasmettere l’evento in televisione. L’opera sarà proposta fino al 27 febbraio e sarà possibile acquistare i biglietti per vederla sui circuiti online di Vivaticket.

Claudio Pezzella
Claudio Pezzella
Claudio Pezzella, 21 anni, Napoli. Laureato in Culture Digitali e della Comunicazione alla Federico II, lavora in qualità di copywriter con la Wolf Agency di Moncalieri (TO) assiduamente. Copywriter specializzato in articoli di vario genere, musicista, amante dell'arte in ogni sua sfumatura e sempre alla ricerca di nuovi orizzonti culturali.
RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy