martedì, Settembre 27, 2022
HomeCulturaL'omaggio artistico di Torino alla Regina Elisabetta II

L’omaggio artistico di Torino alla Regina Elisabetta II

Negli ultimi giorni, il mondo intero ha ricordato la Regina Elisabetta II, icona storica e culturale indiscussa. A Torino è apparso un manifesto dedicato proprio a lei che ha immediatamente sorpreso i cittadini.

Un’opera misteriosa, affissa al capolinea del 30 in Corso San Maurizio 52. Torino omaggia artisticamente la Regina Elisabetta II con God Take The Queen, un’opera che ritrae la sagoma stilizzata della sovrana immersa tra le nuvole. Il suo autore, Andrea Villa, accostato spesso a Banksy nel mondo della street art sabauda afferma di essersi ispirato ai quadri del Carena e che abbia voluto onorare la memoria di una delle figure storiche più evocative di tutti i tempi.

I dettagli della vicenda

Un’opera dal carattere particolarmente icastico che vede la Regina Elisabetta II in uno dei suoi caratteristici abiti, verde come la speranza per l’occasione e con al collo le sue adorate perle, intenta a salutare con leggiadria il popolo torinese. Una mano che giunge da un’altra dimensione, venendo proiettata nel blu del cielo e che serve, oggi, a guardare con ottimismo al panorama socioculturale contemporaneo, per quanto controverso il periodo storico, di fatto, sia.

Wallstreet English Torino

Alla morte della Regina Elisabetta II, l’omaggio di Andrea Villa comparso a Torino è andato ad aggiungersi alla pletora di tributi apparsi in giro per il globo. Ciò su cui il mondo intero, oggi, si interroga è quali saranno i personaggi che riusciranno a caratterizzare i paradigmi contemporanei e a rappresentarli come la Regina è stata in grado di fare per 70 anni.

L’incoronazione del figlio Carlo, intanto, è circondata dalle ombre dei suoi trascorsi, mentre i tabloid internazionali e i curiosi mettono la sua figura costantemente in discussione, specie quando comparata alla potenza simbolica di quella della madre. Sulla veridicità della gloria di Re Carlo III sarebbe, quindi, il caso di dire: “Ai posteri l’ardua sentenza”.

RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy