mercoledì, Ottobre 20, 2021
HomeEventiTutti gli “ismi” di Armando Testa

Tutti gli “ismi” di Armando Testa

ismi testa torino 1E proprio lui, il grande e buffo ippopotamo blu Pippo, che a Palazzo Chiablese, nel centro storico di Torino, apre la grande mostra Tutti gli “ismi” di Armando Testa, visitabile dal 25 ottobre al 24 febbraio 2019.

Lo storico ippopotamo blu è il cuore di una mostra, dove ci sono strani animali, coni gelato, provini sferici e video esplicativi, Carmencita e Caballero, star del Carosello, e i manifesti del Vermouth Carpano.

ArredareModerno

Tutto questo in una mostra che, a 17 anni da quella al Castello di Rivoli, racconta l’arte di Armando Testa, uno degli artisti e pubblicitari italiani più amati di sempre. Nato nel 1917, a Torino fondò la sua agenzia, contribuendo a costruire il mondo della pubblicità italiana e ancora oggi è viva e ben presente la sua eredità.

Tra manifesti, pubblicità televisive, bozzetti, sculture, Tutti gli “ismi” di Armando Testa è stata ideata da Gemma De Angelis Testa e Gianfranco Maraniello, direttore del Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, per spiegare l’artista torinese con cento opere dagli anni Quaranta agli anni Novanta del Novecento, per mezzo secolo d’icone e personaggi, dal Punt e Mes CarpanoSintesi 59, il monumento della stazione di Porta Susa.

Il nome “Ismi” fa rima con futurismo, modernismo, surrealismo, quelle correnti con cui Armando Testa si è confrontato, sempre con un’immaginazione in costante dialogo in tutte le forme dell’arte visiva, per interpretare il mondo del secondo dopoguerra e oggi capaci di raccontare il Novecento e la sua evoluzione.

Cosi l’arte di Testa è nel ritratto di un uomo moderno negli allegri manifesti della Facis, nel logo del vermut Carpano Punt e Mes, con l’ippopotamo Pippo, fino ai caroselli abitati da Carmencita e Caballero o dagli sferici extraterrestri del pianeta Papalla.

Nella mostra ci sono anche l’elefante Pirelli, il rinoceronte Esso, caroselli in bianco e nero e pubblicità, tutti mondi surreali che hanno in loro i tratti distintivi della comunicazione e dell’arte contemporanea degli ultimi decenni.

La mostra è visitabile al martedì alla domenica dalle 10 alle 19, chiuso il lunedì, mentre il biglietto intero costa 12 euro, ridotto 6.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments

Privacy Policy Cookie Policy