giovedì, Maggio 19, 2022
HomeEnogastronomiaDove mangiare una buona pizza in Piemonte? Lo svela la classifica del...

Dove mangiare una buona pizza in Piemonte? Lo svela la classifica del Gambero Rosso 2022

Un piatto italiano d’eccellenza. La pizza. Con la pandemia ci si è cimentati nel farla in casa, perché non si può vivere senza. E, dopo le limitazioni con orari e chiusure, ecco che è di nuovo possibile gustarla al ristorante. Ma dove mangiare a Torino, in Piemonte, una pizza davvero buona? Scopriamolo con la classifica 2022 del Gambero Rosso sulle migliori pizzerie del territorio.

Cos’è e come funziona la classifica del Gambero Rosso?

La nona edizione di Pizzerie d’Italia del Gambero Rosso, è stata presentata l’11 ottobre scorso a Napoli, presso il Centro Congressi della Mostra d’Oltremare.

ArredareModerno

Un incontro dal vivo, dove i più grandi maestri e apprendisti pizzaioli italiani hanno partecipato, per scoprire, Regione per Regione, quali pizzerie si sono meritate le “Tre Rotelle” ed i “Tre Spicchi”. Equivalenti un po’ come a delle stelle Michelin.

Quest’anno, nonostante chiusure e varie problematiche, sono risultate circa 70 new entry su circa 680 locali, nella classifica delle migliori pizzerie d’Italia 2022.

Fra queste, un nuovo locale che si è aggiudicato il massimo con “Tre Rotelle” è il Tellia a Torino.

Oltre ai risultati, è un evento dove poter condividere anche delle buone degustazioni di cibo e vino. Ogni Regione ha ricevuto delle Rotelle o Spicchi, vediamo quindi, le migliori pizzerie incoronate in Piemonte 2022.

Pizzerie a “Tre Spicchi” 2022 in Piemonte – dove mangiare un ottima pizza consigliata dal Gambero Rosso

La Regione Piemonte vede 7 ristoranti ottimi premiati con il massimo dei voti, della categoria Tre Spicchi, dal Gambero Rosso. E sono:

  • Gusto Divino, Saluzzo (CN)
  • Gusto Madre, Alba (CN)
  • Libery, Torino (TO)
  • Patrick Ricci. Terra, Grani, Esplorazioni, San Mauro Torinese (TO)
  • Perbacco, La Morra (CN)
  • Sestogusto, Torino (TO)
  • Vola Bontà Per Tutti, Castino (CN).

Le novità come elemento di valorizzazione – studio e ricerca vengono premiati

Tutti pensano alla pizza come un piatto basico, tradizionale ed immodificabile. In realtà, la ricerca e lo studio per migliorare o comunque anche solo variare la ricetta ed il tipo d’impasto costituiscono un modo sia per progredire, ma soprattutto per andare in contro alle sempre più variegate esigenze della clientela e anche dell’ambiente.

Difatti, numerose sono le persone, al giorno d’oggi, intolleranti al glutine e all’impasto classico. Per non parlare della questione ambientale ed il suo impatto.

Ecco che molti si adoperano per cercare soluzioni più sostenibili e naturali, per recepire gli ingredienti oltre che al metodo stesso di cottura:

  • pizza in teglia
  • pizza al padellino
  • pizza al vapore
  • pizza alla pala.

Poi, oltre alla pizza in sé ed alla sua bontà, si include nel metro di giudizio anche il “contorno” ed il servizio offerto dalle pizzerie:

  • l’accostamento con la bevanda o il drink alla pizza. Soprattutto il binomio drink+pizza è il più ricercato;
  • pizze gourmet e prelibate, dove è offerta la carta dei dolci per terminare la cena;
  • servizio generale in sala oltre che a veri esperti di gusti e sapori.

La classifica delle Regioni d’Italia con più pizzerie premiate

In ordine di territorio con il maggior numero di locali premiati dal Gambero Rosso si hanno:

  1. Campania, con 19 locali premiati
  2. Toscana, con 16
  3. Lazio, con 14
  4. Piemonte, con 7 locali premiati
  5. Veneto, con 6
  6. Lombardia Sicilia con 5
  7. Abruzzo e Sardegna con 3
  8. Emilia-Romagna, con 2
  9. Liguria, Basilicata, Marche, Friuli-Venezia Giulia, Calabria e Puglia, con 1.
Federica Felice
Formata come Interior&Garden Designer, ho frequentato un corso di giornalismo che mi ha permesso di prestare servizi come copywriter e ghostwriter. Sono curiosa di natura e, tra i diversi interessi, ho la passione per la fotografia e i libri/film gialli.
RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy