• Home
  • EVENTI
  • San Carlo inaugura a Torino la nuova location, mentre i marchi di moda assaltano il centro

San Carlo inaugura a Torino la nuova location, mentre i marchi di moda assaltano il centro

San Carlo Store foto di Luca CheinassoIl 12 settembre riapre San Carlo dal 1973, un'istituzione a Torino per quanto riguarda la moda di alto profilo. Il trend per i marchi di moda inoltre, sembra essere quello di investire proprio in centro città.

40 anni e non sentirli. San Carlo dal 1973, storico negozio in Torino, festeggia la sua riapertura il 12 settembre, con una grande inaugurazione. Non solo, gli spazi in Piazza San Carlo, saranno condivisi con il marchio Prada, che occuperà circa 2000 metri in Palazzo Villa. Dopo una provvisoria ubicazione in via Lagrange con un Temporary Store e dopo aver lanciato l'e-commerce, San Carlo dal 1973 cambia casa occupando i civici 169 e 201 di Piazza San Carlo, con due spazi di oltre 1000 metri quadri.

Il primo negozio Prada a Torino poi sarà solo l'inizio per la città, proprio in un momento come questo, in cui la crisi si sente, ma non agli alti livelli della moda, diversi marchi hanno deciso di conquistare il centro: un mono marca di Calvin Klein aprirà in via Roma, North Face e Piquadro lavorano nella stessa via per lanciare i loro primi store e non risale a molto tempo fa l'apertura di quello targato Apple. Il movimento in questo senso traghetta la città nella realtà delle nuove generazioni, che sanno cosa sono gli oggetti del desiderio e in genere sanno anche come non farseli sfuggire. 

A volerla dire tutta, c'è da riflettere sul fatto che la prima città ad ospitare la moda fosse proprio Torino, che non ha certo nulla da invidiare ad altre capitali del lusso sparse per lo stivale in quanto a location, scorci, spazi, eccellenza, talenti da inserire in un ipotetico mondo del lavoro ed enogastronomia.

Tutto il movimento di questi ultimi mesi è segno di interesse, non solo prettamente economico, ma anche di una tendenza che mira al cambiamento e alla ricerca della novità, che da italiani, torinesi, non possiamo certo ignorare.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.