giovedì, Luglio 18, 2024
HomeEventiLo Space Festival torna a Torino dal 16 al 19 maggio 2024

Lo Space Festival torna a Torino dal 16 al 19 maggio 2024

Dal 16 al 19 maggio 2024 ritorna a Torino e dintorni l’evento italiano esclusivo dedicato all’astronomia e allo spazio, che offre esperimenti pratici per tutti gli appassionati, adulti e bambini inclusi. Il programma prevede una serie di attività come conferenze, presentazioni di libri, film, discussioni, sessioni di osservazione delle stelle e visite guidate in diverse sedi della città.

Marco Berry
Marco Berry, Direttore artistico dello Space Festival

Il programma del prossimo Space Festival di Torino, previsto per le date future, pone l’accento sull’esplorazione spaziale, le innovazioni tecnologiche e osservative, il ruolo cruciale dello spazio in meteorologia, così come su UFO, miti urbani e racconti di fantascienza. Fortificato dal successo delle edizioni passate e con ingresso gratuito, questo festival, unico nel suo genere in Italia e concepito dal direttore artistico Marco Berry, invita il pubblico a esplorare le meraviglie e i misteri dell’Universo attraverso un’immersione nelle avventure spaziali che combinano gioco, scienza e narrativa fantascientifica.

Marco Berry con l’astronauta e pilota Maurizio Cheli

In occasione della sua terza edizione, il festival vedrà la partecipazione di figure emerite come il colonnello Walter Villadei dell’Aeronautica Militare, recente partecipante alla missione Axiom 3, uno dei primi voli commerciali completamente europei verso la Stazione Spaziale Internazionale; Maurizio Cheli, distinto per essere il primo astronauta non americano a diventare un astronauta professionista certificato dalla NASA e veterano del volo sul Space Shuttle Columbia del 1996; Roberto Vittori, un altro esperto astronauta dell’Aeronautica Militare e dell’ESA con tre missioni a bordo dello Space Shuttle e del Sojuz; e Massimo Robberto, ricercatore a Johns Hopkins University e a capo del team per la telecamera a infrarossi del Telescopio Spaziale James Webb, strumento avanzato che promette di espandere la nostra comprensione dell’universo primordiale, la formazione delle stelle e l’esistenza potenziale di vita extraterrestre.

Il festival si terrà a Torino dal 16 al 19 maggio e proporrà una varietà di eventi in diversi luoghi della città, avendo come punto centrale la Galleria San Federico. Al Cinema Lux si svolgeranno le principali conferenze e verranno proiettati film emblematici sulle esplorazioni spaziali. Fiorfood ospiterà presentazioni di libri e incontri con un focus gastronomico ispirato allo spazio.

L’evento si espanderà anche ai quartieri periferici, con attività programmata al Planetario Infini.To di Pino Torinese, che includerà visite guidate e spettacoli astronomici, perfetti per un pubblico di famiglie e ragazzi. L’Aero Club Torino, situato in Strada della Berlia, organizzerà esposizioni di modellini spaziali, workshop a tema e visite guidate giornaliere.

Visite guidate saranno anche disponibili al centro Altec in Corso Marche, dove i partecipanti potranno scoprire più sulla produzione e tecnologia dell’industria aerospaziale di Torino, mettendo in luce le capacità tecniche e produttive locali.

Fabio Massimo Grimaldi, Presidente ALTEC SPA

Il Planetario, in collaborazione con l’Aero Club e il Gruppo Astrofili Venaria Reale, organizzerà due sessioni di osservazione astronomica nella sera del 17 maggio. Queste sessioni permetteranno ai partecipanti di studiare il cielo notturno da due diverse località nell’area metropolitana di Torino, offrendo così una prospettiva unica sugli oggetti celesti caratteristici delle notti primaverili.

Torino, dopo il successo delle edizioni passate, è pronta a ospitare ancora una volta questo evento che si immerge nelle diverse dimensioni dello spazio e presenta al pubblico l’ecosistema dell’industria aerospaziale locale, un settore chiave per l’economia della regione con oltre 300 entità operative. Un highlight dell’evento sarà il coinvolgimento delle scuole superiori, dove gli studenti potranno incontrare l’astronauta Maurizio Cheli e Stefano Serra, presidente di AMMA e della Fondazione ITS Aerospazio e Meccatronica del Piemonte, per esplorare più da vicino il mondo dell’aerospazio.

nuovamente l’attenzione allo spazio in questi tempi. Berry ha evidenziato una rinata intensità nell’esplorazione spaziale e nella comprensione dell’Universo, stimolata da recenti scoperte scientifiche e avanzamenti tecnologici che sfumano i confini tra scienza e fantascienza. Il programma di quest’anno del Space Festival mira a raccontare l’epica impresa spaziale dell’umanità, una narrazione alla quale anche Torino contribuisce attivamente. Berry ha enfatizzato come tra i giovani odierni potrebbero emergere i futuri coloni della Luna o i pionieri di Marte, sottolineando l’importanza di renderli consapevoli di quanto sia vicina la realizzazione del loro sogno spaziale.

L’edizione 2024 del “Space Festival – Gioco, Scienza, Fantascienza”, organizzata dalla Marco Berry Onlus – Magic for Children, conta sul sostegno dell’Assessorato alle Attività Produttive della Regione Piemonte, dell’Unione Industriali di Torino, di AMMA (Aziende Meccaniche Meccatroniche Associate), Thales Alenia Space, Altec e Nova Coop.

L’ingresso a tutte le attività del festival è gratuito, ma è necessaria la prenotazione fino a esaurimento posti. Per dettagli sul programma, gli ospiti e altre attività, è possibile consultare il sito www.spacefestival.it.

Space Festival: Marco Berry in diretta Radio

Claudio Pasqua
Claudio Pasqua
Giornalista scientifico. Direttore ADI - Agenza Digitale Italiana
RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy