martedì, Gennaio 31, 2023
HomeEconomiaIl Piemonte verso l'Agenda 2030: conquiste e punti deboli

Il Piemonte verso l’Agenda 2030: conquiste e punti deboli

Il Piemonte sta facendo grandi passi in avanti verso il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’Onu. Ma sono ancora numerosi i punti deboli tra cui povertà, servizi sanitari e giustizia.

Uno sguardo ai dati

Il Piemonte si dimostra una tra le regioni italiane con la più alta intensità di attività nel campo della ricerca (2,3% del Pil nel 2020) e di specializzazione dei settori ad alta tecnologia (3,7% degli occupati nel 2020). In otto anni, dal 2012 al 2020, l’energia prodotta da fonti rinnovabili ha registrato un aumento positivo (+4,7%) così come l’efficienza energetica (+6,5%). Anche la raccolta differenziata ha visto una crescita considerevole (+3,8%).

Wallstreet English Torino

Nel 2021 la speranza di vita alla nascita migliora, dopo il calo del 2020, ma è ancora inferiore al 2019 (-0,5 anni). Buone notizie sul fronte istruzione. Diminuisce l’uscita precoce dalla scuola (-6,4%) e aumentano laureati e diplomati (+7,4 e +7,3%).

Passando ai punti critici vi segnaliamo che in Piemonte si assiste ad un sovraffollamento degli istituti di pena. Tra il 2019 e il 2021 c’è stato un aumento della durata media dei procedimenti civili, da 195 giorni a 212. Sono sempre di più le truffe e le frodi informatiche (nel 2020 5,3 per 1.000 abitanti, triplicato dal 2010).

Cresce la povertà relativa familiare del 2,2% e tra il 2019 e il 2021 sono più che raddoppiate le persone che vivono in abitazioni che accusano problemi strutturali (10,3% nel 2019, 21,7% nel 2021).

Giorgia La Greca
Giorgia La Greca
Laureata in Comunicazione interculturale e studentessa di Scienze internazionali. Porto ovunque con me la mia fedele compagna, la mia macchina fotografica, per catturare istanti, paesaggi e creare storie con le immagini. Scrivo di cultura, economia e società.
RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy