Pernigotti salvata dal Gruppo Spes

pernigotti spesSembrava che per Pernigotti, uno dei simboli del cioccolato italiano, fosse giunta la fine, con l’imminente chiusura dello storico stabilimento di Novi Ligure.

Ma martedì 6 agosto il Gruppo Spes ha presentato a Roma un preliminare per la reindustrializzazione della parte produttiva di cioccolato e torrone Pernigotti, con un piano industriale che vede un’esclusiva pluriennale di produzione e l’assorbimento occupazionale di circa 50 lavoratori già nel 2019, con una previsione di sviluppo di nuovi prodotti e mercati nel triennio 2020-2023.

Il Gruppo Spes, impresa sociale legata all’Opera Torinese del Murialdo, è nato a Torino nel 1970 come laboratorio artigianale di cioccolato e nel 2018 è tra i soci fondatori dell’impresa sociale GenerA-Azioni, di cui fanno parte sette organizzazioni del terzo settore che spaziano dalla produzione artistica al food, all’associazionismo, alturismo e all’educativa territoriale.

Negli anni ha visto una duplice evoluzione, migliorando le bontà delle sue lavorazioni e creando una filiera con altri enti sociali, sotto il segno di una rete solidale, oltre a sostenere attività ad alto valore etico, agevolando i giovani e le persone socialmente fragili nel mondo del lavoro con percorsi di formazione, didattici ed esperienze lavorative, senza rinunciare alla qualità del servizio e dei prodotti.

Il modello di business che Spes porterà a Novi è l’impresa sociale, cioè un’azienda che ha obiettivi principalmente sociali e reinveste gli utili per una serie di fini sociali, in azienda e nella comunità.

Se l’accordo fosse definitivamente siglato a settembre si potrebbe vedere un’ibridazione dei modelli di business tipici della cooperazione sociale con obiettivi di mercato.

“Come imprenditore sociale – dice Antonio Di Donna, Presidente del Gruppo Spes - vorrei creare valore per il territorio di Novi e per il Made in Italy. Pernigotti è un’opportunità unica di condividere il modello sociale all’interno in una grande azienda e per creare uno stretto legame tra valore economico e produzione di valore sociale. La strategia è dare centralità allo stabilimento di Novi per crescere nel mercato del cioccolato e del torrone di qualità facendo leva sul know how esistente. Il nostro obiettivo è mettere al centro le comunità, le persone, il territorio, perseguendo obiettivi di crescita commerciale e generando opportunità”.

I prossimi obiettivi di Spes, restando la conferma di Pernigotti a concedere le garanzie per l’esclusiva decennale, saranno quelli di cercare un accordo con Emendatori, che ha avuto la concessione dei marchi dell’azienda legati al mondo del gelato, per una produzione unitaria del sito, anche attraverso la creazione di un’impresa sociale, presentare il progetto di piano industriale alle parti sociali e infine concretizzare l’impegno delle istituzioni, come Mise e Regione Piemonte, rispetto agli investimenti per la reindustrializzazione.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.