• Home
  • CRONACA
  • Pianezza incontra Terna: il 21 maggio 2014 l'assemblea pubblica

Pianezza incontra Terna: il 21 maggio 2014 l'assemblea pubblica

tralicciecaviPianezza, 19 maggio 2014. Ora è ufficiale: dopo eque valutazioni, verifiche di carteggio e consultazioni, la giunta Castello ha indetto la tanto caldeggiata assemblea pubblica che vedrà l'amministrazione comunale confrontarsi con Terna Rete Italia S.p.A. e la Regione Piemonte in relazione alle problematiche concernenti il progetto di razionalizzazione della rete elettrica ad alta tensione nella regione, in particolare nella città di Torino e in buona parte dell'hinterland.

In questi giorni il sindaco ha inviato a tutti i cittadini sottoscrittori della petizione (ben 2.317, ca. il 20% del totale degli abitanti adulti) a favore dell'interramento solerte dei cavi a 220 kv, pericolosamente promiscui a molteplici abitazioni - scuole comprese - della zona, una lettera di convocazione nella quale si invitano i componenti delle famiglie interessate a partecipare al confronto, che avrà luogo mercoledì 21 maggio 2014 ore 20.30 al Salone delle Feste di via Moncenisio 5, nel quartiere Parucco, adiacente all'impianto sportivo del Lascaris Calcio.

All'assemblea saranno presenti, oltre al Primo Cittadino:

Ing. Roberto Spezie, responsabile dell'Area Operativa Trasmissione Torino di Terna Rete Italia S.p.A;

Dott. Roberto Ravello, assessore all'Ambiente della Regione Piemonte;

Dott. Piero Fassino, sindaco del Comune di Torino;

Dott. Angelo Robotto, Direttore Generale di ARPA Piemonte;

La disquisizione verterà sul famigerato Protocollo d'Intesa stipulato nel giugno 2012 proprio da Terna, Regione Piemonte e Città di Torino, nel quale le parti si sono accordate su un programma di interventi volti a ristabilire un idoneo equilibrio territoriale della Rete Elettrica tramite dismissioni e interramenti di plurime linee ad alta tensione, potenzialmente nocive per la salute pubblica in condizione di vicinanza delle strutture abitative e scolastiche. Si cercherà di dipanare ogni eventuale dubbio e sciogliere le riserve legate alle tempistiche di realizzazione del progetto, su cui finora non si hanno avuti esaustivi chiarimenti ma solo constatazioni evidenti di spropositati ritardi e inspiegabili slittamenti. Nell'occasione verrà necessariamente fatta luce sulla questione, tenendo conto del coinvolgimento non solo di Pianezza bensì di molte altre cittadine limitrofe, tra cui Grugliasco, Rivoli, Alpignano e Collegno, attraversate anch'esse dalle linee e pervase da tralicci scomodi nei rispettivi piani urbani.

All'incontro sono altresì invitati giornalisti della carta stampata e del web. E' inoltre previsto alla fine dell'assemblea un rinfresco di conciliazione e convivio.

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.