• Home
  • EVENTI
  • Gam, primo appuntamento del ciclo Surprise dedicato a Pinot Gallizio

Gam, primo appuntamento del ciclo Surprise dedicato a Pinot Gallizio

PINOT GALLIZIOIl primo appuntamento del ciclo Surprise del 2014 sarà dedicato a Giuseppe Pinot Gallizio, in occasione della presentazione del dipinto La Notte barbara del 1962, che non è mai stato finora inserito nel percorso delle collezioni della GAM.

Surprise è un ciclo annuale di appuntamenti dedicati agli artisti torinesi degli anni Sessanta e Settanta. Per il primo appuntamento dell'anno, la Galleria ha deciso di puntare la luce dei riflettori su Giuseppe Pinot-Gallizio: pittore italiano di Alba, provincia di Torino, nato il 12 Febbraio 1902, che può essere definito come situazionista ed inventore della pittura industriale.

Il situazionismo fu un movimento rivoluzionario con radici nel marxismo, nell'anarchismo e nelle avanguardie artistiche dell'inizio Novecento. Si formò nel 1957 e restò attivo in Europa per tutti gli anni Sessanta, aspirando ad importanti trasformazioni sociali e politiche. Tra le figure di spicco del movimento si ricordano: il francese Guy-Ernest Debord, il danese Asger Jorn, il belga Raoul Vaneigem e il nostro pittore Giuseppe Pinot-Gallizio.

La carriera artistica di Gallizio iniziò proprio dopo essere entrato in contatto con Asger Jorn - pittore, scultore, etnoarcheologo, architetto selvaggio, nel 1957 è stato uno dei fondatori dell'Internationale Situationniste - poiché nel 1956 fondò ad Alba il "Primo laboratorio sperimentale per una Bauhaus Immaginista" e sempre nello stesso anno organizzò anche il "Primo congresso mondiale degli artisti liberi", cui parteciparono gli esponenti delle correnti artistiche d'avanguardia di otto nazioni.

GALLERIA D'ARTE MODERNA TORINOPresso la GAM si troverà, dunque, La Notte barbara del 1962, un dipinto eccezionale sia per le dimensioni che per la ricchezza del racconto pittorico. I dipinti del ciclo delle Notti di cristallo, dei quali La Notte barbara fa parte, propongono uno sguardo insieme geologico e cosmico, in cui l’invenzione materica si traduce direttamente in invenzione pittorica. "La grande era delle resine è cominciata ed è con essa incominciato l'uso della materia in movimento; la macromolecola colloidale inciderà profondamente sul concetto di relatività e le costanti della materia subiranno un definitivo tracollo: si sgretoleranno i concetti di eternità e di immortalità e gli affanni di eternizzazione della materia si ridurranno sempre più al nulla lasciando agli artisti del caos la gioia infinita del sempre-nuovo": ecco un passo del manifesto dei pittori industriali per chiarire la filosofia che incide l'anima pittorica e non di Gallizio.

Informazioni utili

La GAM si trova in via Magenta, 31, a Torino. Per maggiori informazioni è possibile contattare la galleria al numero 0114429518. La mostra sarà aperta al grande pubblico fino al 06 Aprile 2014 dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle ore 18. La biglietteria chiude un'ora prima. Il costo del biglietto intero è di 10 euro, ma sono previste le consuete riduzioni.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.