mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeCulturaNicola Lagioia dice addio al Salone del Libro: entro fine gennaio sarà...

Nicola Lagioia dice addio al Salone del Libro: entro fine gennaio sarà annunciato il nuovo direttore

C’è grande fermento in questo periodo all’interno alla comunità dei lettori italiani: entro la fine di gennaio sarà infatti annunciato il nuovo direttore del Salone del Libro di Torino, che succederà allo scrittore premio Strega Nicola Lagioia.

I risultati raggiunti dall’autore de La ferocia e La città dei vivi sono stati notevoli: i sei anni sotto la sua direzione hanno evidenziato una crescita costante, fino a culminare nell’edizione del maggio 2022, in cui sono stati sfiorati i 170 mila visitatori, mai così tanti.

Chi sarà il nuovo direttore del Salone del Libro di Torino?

Ancora si aspetta di sapere chi prenderà il testimone da Nicola Lagioia, che un mese e mezzo fa aveva annunciato su Instagram la fine della sua avventura torinese.

Una segreteria tecnica è incaricata di decidere, entro la fine di gennaio, tra 50 candidati. Tra questi c’è Paolo Giordano, scrittore e fisico torinese, vincitore del premio Strega nel 2008; Elena Lowenthal, direttrice del Circolo dei Lettori di Torino; ma anche lo storico Gianni Oliva e Giordano Bruno Ventavoli, responsabile del settimanale di La Stampa Tuttolibri; ma anche Oliviero Ponte di Pino, l’uomo di BookCity a Milano.

Le dichiarazioni di Nicola Lagioia

Ecco le parole dell’ormai quasi ex direttore del Salone del Libro di Torino, dopo il successo dell’edizione del 2022: «Questo è il sesto anno in cui metto la maglia rosa. È come il Giro d’Italia, bisogna soffrire, bisogna pedalare moltissimo, però poi, quando si vince, se si vince, ti danno la maglia rosa. I numeri dicono che questa crescita del Salone che c’è anno dopo anno, dal 2017 a oggi non è più una fiammata, è una crescita strutturale».

Nell’autunno del 2016 invece, qualche mese prima di iniziare il suo primo Salone, Nicola Lagioia si esprimeva così: «Se c’è una città in Italia che ha dimostrato, in qualche modo prima delle altre, di sapere investire nella cultura, nell’economia immateriale, questa è stata Torino».

Alessandro Combina
Alessandro Combina
Laureato in Culture Moderne Comparate all'Università di Torino, è profondamente interessato alla scrittura in tutte le forme che questa può assumere. Già redattore presso L'Indice dei Libri del Mese ed Ex Libris 20, coltiva la passione per la letteratura e l'arte in generale, mantenendo però un occhio di riguardo per il mondo dell'informazione e della comunicazione.
RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy