• Home
  • CRONACA
  • Trasporti Piemonte, la consultazione continua con ciechi ed ipovedenti

Trasporti Piemonte, la consultazione continua con ciechi ed ipovedenti

L’assessorato ai Trasporti della Regione Piemonte darà vita ad un tavolo permanente con le associazioni dei ciechi e degli ipovedenti.

Ad annunciarlo è stato l’assessore Francesco Balocco al termine di un incontro con una delegazione dell’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti: L’impegno è procedere alla creazione di un tavolo permanente che riunisca le federazioni delle associazioni delle diverse categorie di persone con disabilità per farlo diventare una sede di confronto e interlocuzione con la Regione sui temi del trasporto. Obiettivo sarà coinvolgerlo anche in occasione della determinazione dei capitolati per le gare di appalto di assegnazione dei servizi di trasporto, sia su ferro che su gomma, a cui stiamo lavorando.

I rappresentanti dell’associazione hanno illustrato le richieste dei non vedenti, già avanzate negli anni scorsi, ma alle quali non è mai stato dato riscontro. In particolare è stata lamentata la scarsa sensibilità alle loro esigenze da parte dei gestori dei servizi di trasporto pubblico (sia su ferro sia su gomma), con riferimento alla mancata attivazione dei dispositivi di sintesi vocale, di cui è stata dotata negli anni passati la stragrande maggioranza dei mezzi pubblici grazie a specifici contributi erogati dalla Regione ma che il più delle volte non vengono messi in funzione. Da parte sua l’assessore Balocco ha espresso l’impegno a richiamare i gestori affinché non si verifichino questi disservizi ed a mobilitare gli ispettori della Regione per monitorare e sanzionare i comportamenti difformi da tali indicazioni.

Altro tema affrontato è stato la tessera di libera circolazione, detta comunemente Tessera gialla, rilasciata alle persone disabili, che permette ai possessori di viaggiare gratuitamente su tutte le linee del trasporto pubblico locale del Piemonte senza limiti di orari e di corse. La richiesta è di renderle elettroniche e periodicamente rinnovabili, subordinando il rinnovo alla verifica della permanenza dei requisiti che ne hanno determinato il rilascio. Oggi tali agevolazioni vengono assegnate anche agli accompagnatori o a portatori di disabilità temporanee, che continuano ad usufruirne anche quando non sussistano più le condizioni, diventando una sorta di gratuità a vita. Con questa riorganizzazione sarà possibile rimodulare gli stanziamenti previsti dalla Regione per queste tessere, che oggi ammontano a circa 6 milioni di euro, adeguandoli alle reali necessità, destinando i possibili risparmi al finanziamento di altre attività rivolte a queste categorie.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.