Lo sport europeo sotto il nazismo

Sport europeo sotto il nazismoDal 6 novembre all'8 dicembre sarà allestita presto il Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà di Torino, una mostra relativa allo sport in Europa sotto il nazismo.

"Lo Sport europeo sotto il nazismo. Dai Giochi olimpici di Berlino ai Giochi olimpici di Londra (1936-1948)"

Prende il nome di "Lo Sport europeo sotto il nazismo. Dai Giochi olimpici di Berlino ai Giochi olimpici di Londra (1936-1948)" e sarà inaugurata il 6 novembre alle ore 11.00 presso il Museo Diffuso della Resistenza di Torino, che si trova in corso Valdocco 4/A. E' stata realizzata grazie al lavoro del Mémorial de la Shoah di Parigi e promossa dal Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio regionale del Piemonte e dagli Assessorati regionali alla Cultura e all'Istruzione, con la collaborazione del Museo Regionale di Scienze Naturali e del Museo Diffuso di Resistenza, il patrocinio della Comunità Ebraica di Torino e il coordinamento organizzativo dell'Associazione culturale RectoVerso. Il tema è lo sport negli anni 30 e 40, negli anni bui del nazismo, e viene raccontato attraverso filmati, fotografie, documenti ed oggetti d'archivio, alcuni anche inediti.

Alcuni dei personaggi principali dell'esposizione

La mostra mette in evidenza la vita di una ventina di personaggi importanti del mondo dello sport, la cui vita e le cui carriere furono cambiate inevitabilmente dall'avvento dei governi nazista e fascista. Tra i nomi principali troviamo il celebre allenatore del Novara e dell'Alessandria Árpád Weisz e l'allenatore del Torino Ernest Erbstein. Racconta inoltre il coraggio di una delle più grandi icone del ciclismo italiano e mondiale Gino Bartali e l'alpinista Gino Soldà, che salvarono la vita di centinaia di ebrei, nascondendoli rischiando le proprie vite.

Le conferenze connesse alla mostra

In connessione con la mostra sullo sport europeo sotto il nazismo, saranno organizzati alcuni dibattiti e conferenze sul tema. Mercoledì 6 novembre alle ore 14.00 inizierà il seminario "Lo sport sotto il fascismo e il nazismo. Aggiornamenti e spunti didattici". Giovedì 7 alle ore 18.30 nella sala conferenze del museo il professor Dietschy terrà una conferenza su "il calcio a Torino sotto il fascismo" con ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Informazioni pratiche

La mostra sarà allestita fino all'8 dicembre. Sarà aperta dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle ore 18, il giovedì dalle ore 14 alle ore 22. Costo dell'ingresso 5 euro intero, 3 euro ridotto. Per le visite scolastiche l'ingresso è gratuito (contattare il Museo).

 

 

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.