giovedì, Maggio 30, 2024
HomeGuide utiliCosa può provocare l’aria condizionata? Ecco tutti i consigli

Cosa può provocare l’aria condizionata? Ecco tutti i consigli

L’aria condizionata può causare problematiche di salute se usata senza criterio. Nel nostro articolo ti spieghiamo quali sono e in che modo evitarle senza rinunciare ai benefici del climatizzatore.

L’aria condizionata, soprattutto negli ultimi anni in cui le temperature estive si sono alzate in maniera esponenziale diventando difficili da sopportare, è diventata indispensabile per stare in casa in maniera confortevole e per lavorare in ufficio senza soffrire e perdere la concentrazione.

In virtù di ciò, i climatizzatori sono quasi onnipresenti nelle abitazioni ma spesso la loro presenza scatena una serie di malesseri più o meno gravi che vanno dal mal di gola ai dolori articolari. Queste spiacevoli conseguenze però non sono dovute all’aria condizionata in sé ma ad un uso malsano e scorretto dei dispositivi come ad esempio il fatto di tenerli accesi tutto il giorno.

Avere infatti un ambiente correttamente raffrescato è positivo per gli adulti, i bambini e soprattutto per gli anziani. In particolare, tale categoria fragile trae giovamento dal climatizzatore in quanto scongiura colpi di calore e problemi cardiorespiratori. A loro può davvero salvare la vita, l’importante è scegliere i dispositivi giusti, di ultima generazione, e seguire alcune semplici regole di utilizzo.

Scopriamo dunque insieme cosa può provocare l’aria condizionata, come difendersi e di quali tecnologie dovrebbero essere dotati i climatizzatori per non fare male.

I danni alla salute dell’aria condizionata

L’aria condizionata in casa o in ufficio dovrebbe avere una temperatura intorno ai 20° e la differenza con quella esterna dovrebbe essere di massimo 5 o 6° C al fine di evitare un eccessivo sbalzo termico dannoso per la salute.Le problematiche infatti che possono sorgere a causa di un uso scorretto del condizionatore riguardano mal di gola, bronchiti, otiti, mal di testa e dolori articolari come mal di schiena e torcicollo.

Inoltre, se i climatizzatori non vengono sottoposti a regolare manutenzione e non si puliscono i filtri ogni anno, c’è il rischio di contrarre polmoniti dai batteri che proliferano dentro di essi.

Anche deumidificare eccessivamente l’ambiente è sbagliato. In tal caso si rischiano disagi oculari, pruriti e arrossamenti che vanno ad interessare soprattutto coloro che lavorano al PC per molte ore o indossano lenti a contatto morbide che tendono a seccarsi facilmente.

Come difendersi dall’aria condizionata

A questo punto viene spontaneo chiedersi se esistono delle soluzioni per evitare i danni alla salute senza rinunciare ai vantaggi dell’aria condizionata. La risposta è sì, basta seguire queste piccole accortezze:

  • non tenere il climatizzatore acceso tutto il giorno ma solo in alcuni momenti come nella tarda mattinata e nel primo pomeriggio, quando le temperature tendono a farsi roventi;
  • tenere spento il climatizzatore di notte a meno che il dispositivo non sia dotato di una modalità notturna;
  • mantenere la temperatura del climatizzatore più bassa di quella esterna di massimo 5 o 6 gradi;
  • regolare la velocità della ventola del condizionatore in base alle persone presenti. Se si è da soli, può essere mantenuta al minimo;
  • non accendere il climatizzatore se si è sudati.

Quali sono i sistemi che salvaguardano la salute dall’aria condizionata?

I climatizzatori di ultima generazione, soprattutto quelli appartenenti a brand leader del settore come Mitsubishi, Samsung e Daikin, sono dotati di una tecnologia estremamente avanzata che mette al riparo da problematiche di salute. Scopri su questa pagina gli ultimi modelli di climatizzatori in commercio con le tecnologie più recenti per raffrescare o riscaldare la casa.

In particolare questi nuovi dispositivi hanno una modalità notturna, che mantiene la temperatura su un livello costante, evitando che si alzi o abbassi troppo. Al loro interno, sono stati inoltre installati dei filtri avanzati che ripuliscono l’aria da allergeni e polveri che potrebbero infastidire e creare disagi alle persone, mantenendo l’ambiente salubre.

In aggiunta va detto che i modelli di alta fascia hanno un sistema che non indirizza il getto d’aria direttamente sul corpo. In certi casi hanno un vero e proprio sensore di movimento che nel momento in cui registra la presenza di persone nella stanza, vira il flusso altrove, evitando d’investirli con l’aria fredda.

Se dopo quanto hai letto stai pensando di sostituire il tuo climatizzatore con uno di recente produzione che ti offra vantaggi in termini di salute e di risparmio energetico, t’invitiamo a visitare il sito di Tavolla.com, dove troverai tantissimi modelli mono split e multi split a prezzi vantaggiosi e con le tecnologie esposte in precedenza.

Cristina Taverniti
Cristina Taverniti
Torinese con la passione per la scrittura e per la fotografia. Credo fermamente che ogni giorno ci sia una storia che valga la pena d'essere raccontata e conosciuta. Ho frequentato l'Albe Steiner e l'università degli studi Alma Mater di Bologna, facoltà Tecniche e culture della Moda, ma non smetto mai d'imparare e conoscere cose nuove!
RELATED ARTICLES
Privacy Policy Cookie Policy