• Home
  • CRONACA
  • Nuovo presidente per il Comitato del Distretto aerospaziale: Tommaso Dealessandri

Nuovo presidente per il Comitato del Distretto aerospaziale: Tommaso Dealessandri

Nuovo presidente per il Comitato del Distretto aerospaziale Tommaso Dealessandri è il nuovo presidente del Comitato del Distretto aerospaziale piemontese: la nomina è avvenuta il 22 settembre dopo che si è preso atto delle nomine dei nuovi rappresentanti di Regione Piemonte (Dealessandri), Finpiemonte (Fabrizio Gatti) e Provincia di Torino (Sergio Bisacca).

Il distretto aerospaziale del Piemonte, che conta oggi 276 imprese (96% PMI), è una realtà che, in assoluta controtendenza, registra una crescita occupazionale di poco inferiore all’8% (conta oltre 15.200 addetti) e un incremento di fatturato nell’ultimo triennio del 18%, pari a 3,3 miliardi di euro.

La crescente importanza del settore è testimoniata, anche a livello nazionale, dalla recente istituzione di una cabina di regia presso la Presidenza del Consiglio dei ministri per la definizione della politica nazionale nel settore ed individuare una strategia nazionale di sviluppo in particolare nell’ambito del settore dell’accesso allo spazio, con l’eventuale avvio del programma di sviluppo del nuovo lanciatore europeo.

In questa prospettiva, il comitato è stato investito del compito di fornire spunti e indicazioni per l’elaborazione di una proposta strategica da sottoporre alla cabina di regia, affinché il sistema regionale piemontese possa continuare a essere inserito in una posizione di assoluto primo piano all’interno dei grandi programmi tecnologici e industriali nazionali ed europei del settore aerospaziale, anche in considerazione dello sforzo economico profuso dalla Regione Piemonte negli ultimi anni.

L’aerospazio ha dichiarato l’assessore regionale alle Attività produttive, Giuseppina De Santis, intervenendo alla riunione è tra quei settori su cui fare leva per rimettere in moto l’economia, come del resto dimostrano i dati in controtendenza relativamente a fatturato e livelli occupazionali. La nuova cabina di regia nazionale potrà rendere ancora più strategico il ruolo del Piemonte in chiave propositiva, forte dell’esperienza maturata fino a oggi in termini di progetti e investimenti già realizzati. Indispensabile continuare a fare sistema sia a livello regionale che nazionale, incentivando la collaborazione tra aziende di diverse dimensioni e valorizzando al meglio le opportunità di finanziamento della nuova programmazione dei fondi europei.

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.