Il Museo dello Sport di Torino

Il motto del Museo dello Sport di Torino è "vietato calpestare i sogni". Sono proprio i sogni di duecento atleti di oltre venti discipline sportive, rappresentati con video, fotografie e oggetti, a comporre le sale del museo.

Il museo dello sport di Torino è il primo in Italia a essere permenente ed è anche il primo allestito all'interno di uno stadio: la sua casa è lo stadio Olimpico, tempio attuale del calcio cittadino sponda granata, che nel 2006 è stato il luogo delle cerimonie di apertura e chiusura dei giochi olimpici invernali, evento che ha aperto la città al mondo. Il museo si sviluppa su due piani e cinque sale, ciascuna dedicata ad un aspetto dello sport che rende immortali le gesta degli atleti: la prima sala è dedicata al calcio e ripercorre la storia dei due grandi club cittadini, dal Grande Torino alla Juventus di Platini; segue poi la sala dedicata ai numeri uno di tutti gli sport come Ayrton Senna per la Formula 1 o Cassius Clay nel pugilato. In un'altra sala denominata Torino città si raccontano le imprese sportive degli atleti torinesi che si ricordano nella storia; una sala tutta dedicata al ciclismo e una sala delle "emozioni", dove gli atleti stessi ricordano le proprie imprese e le sensazioni che hanno provocato.

Tra le sale del museo sono rappresentate le gesta di cinquanta medaglie olimpiche, cento tra titoli mondiali ed europei e migliaia di titoli italiani. Appese alle pareti ci sono ottantasette maglie di tutti gli sport e un juke box che riproduce centosei brani che si rifanno a famosi eventi sportivi recenti e non.

Il museo dello sport di Torino è in continua evoluzione, sempre attento a raccontare nuovi atleti e nuovi campioni attraverso e suoi cimeli: è di oggi la notizia che la tennista bolognese Sara Errani, n. 6 del mondo e finalista lo scorso anno al prestigioso torneo parigino del Roland Garros, ha donato al museo una racchetta autografata e un completino da gioco da lei utilizzato nel torneo WTA di Acapulco 2013. Commenta così il presidente del museo Onorato Arisi: "Un motivo d'orgoglio per il museo dello sport di Torino, che potrà così vantare al proprio interno anche la testimonianza di una delle più giovani campionesse di tennis italiane della storia".

Il Museo dello Sport si trova in via Filadelfia 96/b ed è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18, tranne nei giorni delle partite casalinghe del Torino Calcio. Ingresso € 10, ridotto € 7. C'è la possibilità di acquistare un biglietto cumulativo Museo + Tour dello stadio: intero € 14, ridotto € 10.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.