Carnevale di Santhià 2019

carnevalestoricodisanthia 2019 1Come sempre il 2019 a Santhià inizia con il Carnevale Storico, che è stato aperto domenica 6 gennaio alla presenza di tutte le Compagnie del Carnevale e delle più importanti personalità cittadine, dalla Direzione del Carnevale allo Stato Maggiore, dal Corpo Pifferi e Tamburi alle Bande Musicali, cui è seguito sabato 16 febbraio il rito della Salamada, cioè la tradizionale processione dei 15 suini da cui si ricavano i salami per la Fagiuolata, sostituita oggi dalla sfilata dei figuranti travestiti da maiali e dalla mascotte in cartapesta raffigurante l’animale, accompagnati dal Corpo Pifferi e Tamburi del Carnevale Storico di Santhià e dai membri della Direzione.

Martedì 26 febbraio il Gran Galà delle Maschere alle 21 presenterà la coppia scelta per impersonare Stevulin d’la Plisera e Majutin dal Pampardù, con le maschere provenienti da Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria e Lombardia come testimoni per il passaggio di consegne dalla coppia uscente ai giovani designati per l’anno in corso, presso il Palacarvè La Stampa.

Alle 20.30 di giovedì 28 febbraio inizierà il Giòbia Grass, dove i gruppi carnevaleschi terranno, lungo Corso Nuova Italia, un percorso enogastronomico, formato da circa 20 stand, dove si distribuiscono gratuitamente cibi e bevande a tutti i convenuti, mentre alle 20.30 ci sarà l’inaugurazione della mostra La giostra del Carnevale 1929-2019, presso Corso Nuova Italia 98.

Venerdì 1 marzo alle 17 ci sarà la terza edizione di Carvè Street Food, lungo la Via del Gusto di Corso Nuova Italia, organizzato da Commercio Comune di Santhià, in collaborazione con FederEventi Piemonte, ricco delle specialità delle tradizioni culinarie nazionali e internazionali.

Alle 20.30 di sabato 2 marzo è prevista la Consegna delle chiavi della città da parte del Sindaco alle maschere Majutin dal Pampardù e Stevulin d’la Plisera con l'Alto Patrocinio del Parlamento Europeo e il Proclama al popolo di Stevulin e la sfilata lungo le vie cittadine del Corpo Pifferi e Tamburi e delle Bande Cittadine.

Domenica 3 marzo dalle 10 si terrà il Primo Corso Mascherato e lo Spettacolo Piromusicale alle 22, mentre lunedì 4 marzo dalle 5 del mattino inizierà la Colossale Fagiuolata, con le Sveglie del Corpo Pifferi e Tamburi, che hanno il compito di svegliare i rappresentanti della Direzione che dovranno presiedere all’accensione dei fuochi con cui verrà preparata la Colossale Fagiuolata. 

A mezzogiorno, con 320 camerieri, saranno distribuiti gratuitamente alla popolazione 20 quintali di fagioli e 10 quintali di salami, per oltre 20.000 razioni.

Martedì 5 marzo dalle 10 si terranno i tradizionali Giochi di Gianduja, un evento per le vie di Santhià, con tanti giochi cui parteciperanno varie Compagnie, sfidandosi tra di loro in una giornata all’insegna del divertimento.

La cerimonia di chiusura del Carnevale, alle 22, vedrà il tradizionale Rogo del Babàciu, un pupazzo appeso su una pira e bruciato in Piazza Maggiore, dove tutta la popolazione assisterà all'accensione del rogo che segna la fine del Carvè, fra il suono delle campane a lutto e le note di una marcia funebre, che si tramuta subito dopo poche note in un ballo che vede il ritorno dell’atmosfera tipicamente allegra del Carnevale.

Al Palacarvè La Stampa si terrà la premiazione dei vincitori delle varie categorie, con le consegna dei gagliardetti e del montepremi, alla presenza delle autorità carnevalesche e cittadine.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.