Portici di carta 2018

portici di carta 2018 1Con simbolo Pippi Calzelunghe, la protagonista dei libri di Astrid Lindgren, sabato 6 e domenica 7 ottobre a Torino tornerà Portici di carta, con 123 librai e editori sotto i portici di via Roma, tra Piazza San Carlo e tante altre zone della città in un omaggio all’amore per la lettura e 48 saranno gli editori piemontesi presenti.

Il 6 e 7 ottobre i portici di via Roma, Piazza San Carlo e Piazza Carlo Felice saranno divisi in 19 tratti tematici, per le librerie e le case editrici secondo le rispettive specializzazioni. 

Per i sessanta anni dalla prima traduzione italiana di Pippi Calzelunghe, personaggio rivoluzionario della letteratura  per  l'infanzia, Valeria  Parrella terrà sabato 6 ottobre alle 18.30, all’Oratorio San Filippo Neri, la lezione Pippi maestra di femminismo, mentre gli allievi della Scuola Operatori  Doppiaggio e Spettacolo, con Stefania Giuliani, leggeranno estratti del libro e  il Dipartimento Educazione Castello di Rivoli colorerà piazza San Carlo con una grande manifestazione di pittura collettiva a lei ispirata.

L’Oratorio di San  Filippo e il Circolo dei lettori ospiteranno gli eventi, ma le attività sono previste anche in piazza San Carlo con lo Spazio Bambini e il Bibliobus, i Giardini Sambuy, l’area pedonale di via Roma. 

Palazzo Lascaris e la Biblioteca civica Centrale presenteranno la mostra dei tappeti della guerra russa-afghana e della fotografica ideata dall’associazione Wondy sono io mentre, sul tram storico dell’Associazione Torinese Tram Storici, si terranno letture su Torino ideate dalle Biblioteche civiche torinesi e curate dagli allievi della ODS con Stefania Giuliani.

Tra gli appuntamenti saranno da non perdere il confronto di Nando dalla Chiesa con Margherita Oggero sull’insegnare partendo dal saggio Per fortuna faccio il prof, la presentazione di Ho scoperto di essere morto dello scrittore brasiliano João Paulo Cuenca, con Darwin Pastorin, l’incontro con Aldo Cazzullo al Circolo dei lettori sul suo ultimo lavoro Giuro che non avrò più fame. L’Italia della ricostruzione, il debutto nella letteratura di Luigi Lo Cascio con Ogni ricordo un fiore, assieme a Elena Varvello, Benedetta Cibrario con Il rumore del mondo, assieme a Giovanni Tesio, le riflessioni sul saggio di Luca Rastello Dopodomani non ci sarà, con Monica Bardi, Davide Ferrario e Marco Gobetti, fino all’incontro con le autrici del Concorso letterario nazionale Lingua Madre Marcela Luque e Madeleyn Eugenia Mendoza Marquez.

E’ previsto anche il reading musicale Trio Malinconico di Diego De Silva, che parte dalla quadrilogia dell’avvocato Malinconico e dal suo ultimo libro Superficie, e un viaggio nel mondo sentimentale di Fabio Stassi con Ogni coincidenza ha un’anima.

Gli editori ospiti dell’edizione 2018 saranno Emons Audiolibri, che terrà, nell’Oratorio San Filippo, il reading di Michela Murgia su Canne al vento di Grazia Deledda e, in piazza San Carlo, La voce delle pagine, che proporrà una serie di estratti dal catalogo della casa editrice, e Gallucci Editore, per i più piccoli.

Per i bimbi in piazza San Carlo ci saranno letture, animazioni e laboratori in collaborazione con Gallucci editore, Biblioteche civiche torinesi, ITER - Istituzione Torinese per un’Educazione Responsabile, Dipartimento educazione del Castello di Rivoli – Museo di Arte Contemporanea e il Premio  nazionale Nati per leggere.

Infine ritorneranno anche le Passeggiate di Portici di Carta8 percorsi e una novità rappresentata dalle voci degli scrittori migranti in San Salvario, per uno sguardo alla letteratura di Torino antica e moderna.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.