Torino Spiritualità 2018

torino spiritualità 2018 no 1Bartleby lo scrivano nel racconto di Melville dice “Preferirei di no”, e da questa citazione prende spinto l’edizione 2018 di Torino Spiritualità, dal 26 al 30 settembre, con un festival tra incontri, spettacoli, momenti di riflessione condivisa e di meditazione, sempre alla ricerca della formula del no, che è qualcosa legato a una presa di coscienza.

Il tutto per un tema legato alla situazione politica del paese e alla contemporaneità, tra no alla paura, all’oblio, all’individualismo e alla cancellazione della verità.

Torino Spiritualità inizierà ufficialmente il 26 settembre con alle 18.30 nella chiesa di San Filippo Neri Asha Phillips che parlerà del no che unisce, mentre alle 21, al Teatro Carignano, Gino Strada racconterà un cammino verso il non rassegnarsi di fronte ai mali del mondo.

Ci saranno nel corso del festival vari filoni che s’intrecceranno, tra relatori e luoghi della città, come un percorso sui no della religione, da sempre cuore dal festival che vedrà tra gli interventi quelli di Enzo Bianchi e Massimo Recalcati, Vito Mancuso e Francesco Remotti.

Ma il no può essere anche quello sul diavolo, con tra i presenti Alessandro Bergonzoni ed Ermanno Cavazzoni, o sul rifiuto di vite non più allineate, con protagonisti Massimo Belpoliti, ma anche Giovanni Lindo Ferretti, Francesco Guccini, fino a Goffredo Fofi e Vittorino Andreoli, per vite di artisti che, dopo un no, hanno deciso di lasciare tutto.

Un’altra tematica sarà quella dei ribelli nei libri, visti come una via di fuga dalla consuetudine, strana alternativa, da Bukowski e Cyrano, raccontato da Pietrangelo Buttafuoco, fino al Barone Rampante calviniano, quello di Oblomov a vivere nella sua bella casa, con ospiti come Edoardo Albinati e Paolo Giordano, Annalena Benini e Paolo Nori.

Per la prospettiva di un no al mondo di oggi, ci saranno come protagonisti Maurizio Maggiani, Massimo Polidoro del CICAP, Fredrik Sjöberg e Umberto Galimberti.

Non mancheranno le occasioni di meditazione con lo yoga, previste per due giorni consecutivi, oltre agli spazi dedicati ai più piccoli.

L’edizione 2018 del festival che uscirà dalle sale del Circolo dei lettori fino ad arrivare nei luoghi della città e nei suoi teatri, ma si sposterà anche ad Alba, per Le verità che ci circondano, Novara, con il Festival della dignità umana, e Verbania, con il Festival Letteraltura, oltre alle camminate di Torino Spiritualità, che anticipano il Festival e lo introducono.

Per la collaborazione con le istituzioni cittadine e con il Comune di Torino, quest’anno saranno protagoniste le biblioteche civiche.

L’ingresso agli incontri sarà gratuito e, per gli appuntamenti a pagamento, la biglietteria al Circolo dei lettori è aperta dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 21.30 e domenica 30 settembre dalle 9.30 alle 21.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.