Stupinigi Sonic Park 2018

stupinigi sonic park 2018 1Stupinigi Sonic Park a Nichelino, in provincia di Torino, sarà il nuovo festival musicale dell'estate 2018 con un gran numero di ospiti internazionali, nel parco della Palazzina di Caccia di Stupinigi dal 25 giugno all'11 luglio.

Sul palco di 300 mq, tra gli alberi secolari, si esibiranno artisti italiani, inglesi e americani celebri a livello internazionale, per un festival unico e inedito, ideato da Reverse Agency e Vertigo.

Lo Stupinigi Sonic Park, con il patrocinio di Regione Piemonte e Camera di Commercio di Torino e in collaborazione con Palchi Reali, Piemonte dal Vivo e Consorzio Residenze Reali Sabaude, avrà a ogni concerto posti  a sedere numerati per Jeff Beck, Steven Wilson e Deep Purple o in piedi per LP, Negrita e Caparezza, tutti adatti alle diverse tipologie di band e di musica.

Infatti gli artisti che hanno scelto di esibirsi all'interno della cornice non convenzionale del festival Stupinigi Sonic Park hanno scelto di prendervi parte perchè la bellezza dei luoghi in cui si esibiscono valorizzerà la proposta di sonorità ricercate.

Una delle due uniche date estive del tour italiano dei Deep Purple sarà proprio nello straordinario scenario dello Stupinigi Sonic Park l’11 luglio e incredibile sarà il live di Steven Wilson il 26 giugno.

Il territorio medioevale del parco all’inizio era delle Abbazie di Staffarda e di Rivalta, che vi possedevano terre e chiese, oltre a un castello, che passò sotto la proprietà di Amedeo VIII di Savoia quando l'ultimo della famiglia di nobili locali Acaia morì nel 1418. 

Amedeo VIII lasciò il tutto nel 1439 al marchese Pallavicino di Zibello, ma i Savoia ne tornarono in possesso quando Emanuele Filiberto ne reclamò la proprietà nel 1564.

Nel corso del XVI secolo tutto il territorio, divenuto una Commenda dell'Ordine Mauriziano, fu riservato alle cacce ducali, per poi essere drasticamente modificato con la costruzione della Palazzina, con i nuovi sentieri di caccia e rondò.

Fu sotto il regno di Carlo Emanuele III che la palazzina nel 1731 venne inaugurata con la prima battuta di caccia.

La costruzione si ampliò durante i regni di Carlo Emanuele III e Vittorio Amedeo III con il contributo di altri architetti, come Prunotto, Bo e Alfieri e nel 1740 furono aggiunte altre due ali, ospitanti le scuderie e le rimesse agricole e persino Napoleone Bonaparte vi soggiornò, dal 5 al 16 maggio 1805, prima di recarsi a Milano per cingere la Corona Ferrea, oltre a discutervi con le principali cariche politiche di Torino, accogliendo il sindaco, la magistratura e il clero, con a capo il cardinale Buronzo.

Nel 1832 la palazzina fu di nuovo proprietà della famiglia reale e il 12 aprile 1842 vi venne celebrato il matrimonio tra Vittorio Emanuele II, primo re d'Italia, e l'austriaca Maria Adelaide d'Asburgo-Lorena.

Verso la prima metà dell'Ottocento il parco della palazzina ospitò per diversi anni Fritz, un elefante indiano maschio, donato a Carlo Felice, che però in poco tempo impazzì e incominciò a distruggere ciò che lo circondava, cosi venne abbattuto e donato al museo zoologico dell'università di Torino e oggi è visibile, imbalsamato, presso il Museo regionale di scienze naturali di Torino. 

La palazzina fu ceduta al demanio statale nel 1919 e nel 1925 fu donata, con le proprietà circostanti, all'Ordine Mauriziano.

Nel 1992 la Regione Piemonte creò il Parco naturale di Stupinigi e nel 2009 ha unito al suo patrimonio immobili appartenenti al contesto urbano e rurale del comparto di Stupinigi, appartenenti in precedenza all'Ordine Mauriziano.

Dal 1997 il Parco è tra i beni classificati dall'Unesco come Patrimonio dell'Umanità, per l'importanza storico-architettonica dei luoghi e la presenza della Palazzina di Caccia di Stupinigi, parte del sito delle Residenze Reali del Piemonte.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.