• Home
  • CRONACA
  • Un 2017 positivo per l’Abbonamento Musei Torino Piemonte

Un 2017 positivo per l’Abbonamento Musei Torino Piemonte

2017 musei piemonte 1Per il 2017 sono stati ben 16.000 studenti del Politecnico di Torino che hanno usato l’Abbonamento Musei Torino Piemonte, la tessera che permette l’accesso libero e illimitato in musei, Residenze Reali, castelli, giardini e fortezze, collezioni permanenti e mostre temporanee di Torino e del Piemonte per 365 giorni dal momento della sottoscrizione.

L’iniziativa è stata ideata dal Politecnico di Torino per tutti gli studenti in regola con gli esami, con la collaborazione del Rettore del Politecnico Marco Gilli e del Vice Rettore per la Didattica Anita Tabacco.

Da tempo infatti l’università aveva un pacchetto Vivitorino destinato a un piccolo gruppo di studenti selezionati in base al merito e hanno trovato nell’Associazione Abbonamento Musei.it il partner adatto per estendere agli studenti in regola con gli esami una nuova forma di welfare culturale che permette di vivere la città in maniera completa e di godere dei musei torinesi, ma anche di quelli regionali.

Infatti, gli studenti del Politecnico di Torino seguono un percorso culturale multidisciplinare e a tutto tondo, per formare gli ingegneri, architetti, designer e pianificatori di domani.

Il Politecnico, inoltre, ha esteso la possibilità di ottenere gratuitamente l’Abbonamento Musei Torino Piemonte anche per i suoi dipendenti e saranno 2.800 i lavoratori che potranno beneficiare di quest’azione di welfare aziendale, iniziato nel mese di dicembre.

Il Presidente dell’Associazione Abbonamento Musei.it, Dino Berardi, ha detto che “L’Abbonamento Musei in questi anni ha cambiato il rapporto tra cittadini e musei, semplificando notevolmente il consumo della cultura in regione. Il saper fare rete e la capacità di tenere unite le realtà museali di tutto il Piemonte ha portato il Politecnico e soprattutto i suoi studenti a scegliere la tessera che è un prodotto culturale unico e prezioso. Con questa iniziativa, al tempo stesso, i musei possono garantirsi un pubblico nuovo e giovane”.

Da sempre l’Abbonamento Musei è sostenuto, nel ruolo di socio fondatore, dalla Fondazione CRT, per rendere maggiormente accessibile ai giovani, il patrimonio culturale della Città e della Regione, ideando una grande sinergia tra le realtà culturali del territorio piemontese, un modello che oggi è arrivato in altre Regioni.

Inoltre sono stati forniti anche una serie di dati sul numero di abbonati del 2017, che oggi sono più di 98.000 e la previsione di chiusura di fine anno prevede che saranno oltre 130.000 abbonati.

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.