Torino Portici di Carta 2017

portici di carta 2017 1Sabato 7 e domenica 8 ottobre tornerà lo storico appuntamento con Portici di Carta, la libreria più lunga del mondo collocata sotto i portici del centro di Torino, che dai tradizionali due chilometri di bancarelle in via Roma, Piazza San Carlo e piazza Carlo Felice continuerà fino i portici di fine Ottocento e Liberty di via Sacchi e quelli risorgimentali di Via Nizza.

Per questa edizione saranno presenti 128 librai di Torino e provincia e editori da tutto il Piemonte, di cui 21 per la prima volta mentre 79 sono le nuove librerie che faranno parte del Consorzio Colti, il consorzio delle librerie indipendenti al debutto nel 2017.

In piazza Carlo Felice ci saranno i bouquinistes del Libro Ritrovato, mentre i portici di via Roma, piazza San Carlo e piazza Carlo Felice verranno divisi in 20 zone tematiche che riuniranno con un filo conduttore le bancarelle secondo le proposte.

L’edizione 2017 di Portici di Carta sarà dedicata a Paolo Villaggio, l’attore e scrittore genovese che negli anni Sessanta e Ottanta ha venduto un milione e mezzo di copie con la storica Trilogia di Fantozzi, oltre ad aver fatto entrare nella lingua italiana vari modi di dire oggi di uso comune. Villaggio sarà ricordato sabato 7 ottobre presso l’Oratorio San Filippo dalle 18 con una lezione originale del saggista e umorista Stefano Bartezzaghi, una testimonianza dei due figli, le letture dello scrittore Giuseppe Culicchia e l’intervista inedita che venne realizzata dal regista Mario Sesti per il film presentato all’ultima mostra di Venezia. 

Saranno quattro gli spazi per gli eventi della manifestazione, l’Oratorio di San Filippo, lo Spazio Bambini di piazza San Carlo, il Gazebo Sambuy di piazza Carlo Felice, grazie alla collaborazione con l’associazione Il Giardino forbito e lo Spazio Lux-Fiorfood di Galleria San Federico, in collaborazione con Fiorfood Coop.

Inoltre anche in questa edizione a Portici di Carte parteciperà il Concorso Lingua Madre con due iniziative, di cui una convolgerà le autrici albanesi Sabina Darova e Malvina Sinani, vincitrici della XII edizione che racconteranno chi sono e l’esperienza della scrittura in un dialogo con l’ideatrice e responsabile del CLM Daniela Finocchi.

Il Concorso letterario nazionale Lingua Madre, creato da Daniela Finocchi nel 2005, giunge nel 2017 alla dodicesima edizione e nasce dall’iniziativa omonima sviluppata da Regione Piemonte e Salone Internazionale del Libro di Torino.

Il progetto si avvale dei patrocini del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Pubblicità Progresso e We Women for Expo ed è rivolto alle donne straniere, anche di seconda o terza generazione, residenti in Italia che, utilizzando l’italiano, vogliano approfondire il profondo legame tra identità, radici e il mondo in cui sono approdate.

Tutto il programma è consultabile sul sito www.porticidicarta.it

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.