• Home
  • EVENTI
  • Carmagnola Fiera Nazionale del Peperone 2017

Carmagnola Fiera Nazionale del Peperone 2017

pepero 2017 1Si svolgerà dall’1 al 10 settembre la 68esima edizione della Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola o Peperò, in provincia di Torino, una delle più celebri manifestazioni italiane nel settore dell’enogastronomia, con dieci giorni di eventi gastronomici, culturali, artistici, sportivi ed esperienze creative e coinvolgenti. 

Dopo gli ultimi anni l’Amministrazione Comunale di Carmagnola ha deciso di cambiare il nome della manifestazione da Sagra del Peperone a Fiera Nazionale del Peperone, poiché da sette anni la kermesse è riconosciuta ufficialmente come Manifestazione Fieristica di Livello Nazionale.

La manifestazione è la più grande in Italia dedicata a un prodotto agricolo e le ultime due edizioni hanno registrato oltre 250.000 visitatori e una grande ricaduta economica sul territorio, con 4.900.000,00 euro nel 2016, certificata da una qualificata ricerca universitaria. 

Nell’immensa area espositiva di 14.000 mq, i visitatori troveranno non solo la Piazza dei Sapori, ma anche diverse aree enogastronomiche, talk show ed eventi con il giornalista Paolo Massobrio, street food, una grandissima rassegna commerciale con 220 espositori, spettacoli di teatro e di cabaret con comici noti al grande pubblico, concerti con ospite Bianca Atzei, esibizioni sportive, oltre alla tradizionale Festa di Re Peperone e alla Bela Povronera con una sfilata di centinaia di personaggi in costume, un grande spazio per i bambini con attività e spettacoli, mostre, convegni e altro ancora.

Conosciuta in Europa da solo un secolo, la pianta del peperone, originaria del Perù, arrivò a Carmagnola agli inizi del Novecento grazie a Domenico Ferrero, orticoltore di Borgo Salasio. Oggi il peperone di Carmagnola Igp, noto per il vivace colore rosso o giallo intenso, è conosciuto e apprezzato in tutto il Piemonte per le sue caratteristiche uniche di qualità e genuinità.

Sono quattro le tipologie morfologiche riconosciute dal consorzio dei produttori, che hanno la denominazione di peperone di Carmagnola, il quadrato, un cubo con quattro punte, il corno di bue, dalla forma molto allungata, la trottola, dalla forma di cuore e il tumaticot, tondeggiante e schiacciato ai poli.

Il peperone di Carmagnola Igp, coltivato su terreni pianeggianti e sabbiosi e raccolto manualmente a partire dalla fine di luglio, è adatto sia per preparazioni gastronomiche semplicissime sia per un azzeccato connubio con i migliori sapori della tradizione gastronomica del Piemonte.

Questo prelibato ortaggio deve essere preparato crudo in pinzimonio o fatto appassire nel forno, anche perché la pelle del peperone si asporta facilmente, ma è anche da gustare sott’aceto, sott’olio, in agrodolce o, come nell’antica tradizione piemontese, sotto rapa.

Le ricette tradizionali propongono il peperone in bagna càuda, come contorno di arrosti e bolliti, ripieno di carne macinata, erbe aromatiche e uova, ma anche con accostamenti meno consueti con i crostacei, o più audaci con il cioccolato.


Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.