• Home
  • EVENTI
  • Cherasco Felice Andreasi. L’AttorPittore

Cherasco Felice Andreasi. L’AttorPittore

andreasi attor 1“Quando non recito, dipingo. Devo assolutamente trascorrere le mie giornate davanti a un cavalletto.  Non dipingo per hobby ma per necessità viziosa. Ho bisogno di entrare nella tela per cercarvi qualcosa, forse una condizione di vita ulteriore….Il tuo mondo, se ce l’hai, con un po’ di talento molto molto esercitato, trovi il modo di metterlo fuori”.

Felice Andreasi

Dal 22 ottobre  al 22 gennaio 2017, a Palazzo Salmatoris di Cherasco, in provincia di Cuneo, sarà visitabile la mostra Felice Andreasi, L’AttorPittore, dedicata alla figura di quest’attore, che non amava i riflettori, ma che ci ha lasciato interpretazioni indimenticabili, uomo di qualità con una grande passione per la pittura.

Questa mostra lo vede nelle sue vesti di pittore, con 68 quadri molto diversi tra loro nel raccontare una vita, in un mutare di stile, in un divenire che è variazione del vivere.

La mostra è il completamento di un percorso iniziato nel dicembre 2015, a dieci anni dalla sua scomparsa, con la presentazione del libro Felice Andreasi, Un pittore in scena tra teatro, cinema e tv e proseguito con proiezioni, incontri, tavole rotonde.

Felice Andreasi nacque a Torino l'8 gennaio 1928 e fece il suo debutto negli anni Sessanta come cabarettista in alcuni locali piemontesi, poi si trasferì a Milano e fu uno dei comici di punta del Derby Club con Cochi Ponzoni, Renato Pozzetto, Lino Toffolo e altri.

andreasi attor 2Nel 1969 interpretò il varietà televisivo Aiuto: E' vacanza!, ma il vero successo lo ebbe con Il poeta e il contadino nel 1972.

In questa trasmissione passata alla storia della televisione come programma di rottura che impose un nuovo tipo di comicità, Andreasi interpretava il poeta che irrompeva in scena urlando “Salve Piemonte” con una “o” aperta alla piemontese, interrompendo le gag di Ponzoni e Pozzetto. 

Andreasi è rimasto nell'immaginario collettivo anche per la sua imitazione di Gustav Thoeni, sciatore allora molto in voga, e ideò simpatici aforismi e battute umoristiche.

All'inizio degli anni Settanta iniziò a lavorare anche nel cinema e fra il 1975 e il 1976 partecipò ad alcune puntate di Playboy di Mezzanotte, programma cult di TeleAltoMilanese. 

Nel 1978 tornò in Rai con Saltimbanchi si muore, varietà di Enzo JannacciBeppe Viola con Cochi Ponzoni, Renato Pozzetto, Massimo Boldi, Teo Teocoli, Maurizio Nicheli e i Repellenti, con Diego Abatantuono, Giorgio Porcaro, Giorgio FalettiMauro Di Francesco.

Nella stagione televisiva 1984/85 Andreasi, chiamato da Maurizio Nichetti, fu tra i mattatori di Quo Vadiz su Italia 1, programma che fu un grande successo della tv degli anni Ottanta e che continuò nella stagione successiva e nella seconda metà del decennio interpretò il film-tv Scacco Matto per la regia di Carlo Di Carlo. 

Andreasi lavorò anche per la radio, fu autore di alcuni libri e si cimentò come pittore, fabbricando da solo i colori usando le foglie e la terra della campagna astigiana, fino alla morte, avvenuta a Cortazzone d'Asti il 25 dicembre 2005.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.