• Home
  • EVENTI
  • Aosta Hi>Dance 2.0 Dance & Technology 2016

Aosta Hi>Dance 2.0 Dance & Technology 2016

logo hi dance 1Dal 13 al 16 ottobre, alla Cittadella dei Giovani in viale Garibaldi 7 ad Aosta, tornerà il festival Hi>Dance 2.0 Dance & Technology, per 25 appuntamenti tra spettacoli, performance-installazioni, workshop, conferenze accademiche, feedback e dj set, in quattro giorni di spettacoli, laboratori e percorsi di visione critica che avranno come protagonista la danza contemporanea, le nuove generazioni di artisti e il rapporto tra nuove tecnologie e i nuovi linguaggi dell’arte.

Performance e installazioni saranno anche una riflessione sul denaro e l’arte, sul corpo e la sua ritualità, sulla disabilità, con in cartellone 2 spettacoli e una performance ogni sera, assieme a un ricco calendario di attività collaterali previste in tutte le giornate del festival tra cui workshop professionali, masterclass, conferenze e l’originale momento del feedback, dove il pubblico e gli artisti si confronteranno sugli spettacoli in rassegna.

Ci saranno varie prime regionali e una nazionale per artisti e compagnie che sono tra le più interessanti della scena contemporanea nazionale e internazionale, come la coreografa svizzera Cindy Van Acker, coreografa per Romeo Castellucci e figura prestigiosa della danza contemporanea, in scena sabato 15 alle 20,15 con lo spettacolo Helder, Roberto Castello, dello storico gruppo di Carolyn Carlson alla Fenice di Venezia, che presenterà, insieme all’attore e regista Andrea Cosentino, l’esilarante Trattato di Economia in chiusura del Festival domenica 16 ottobre alle 22, mentre in prima nazionale ci sarà Petrushka – Extended dei danesi Granhoj Dans.

Il festival indagherà anche le dinamiche della società contemporanea, infatti, tra i temi al centro delle occasioni di confronto tra artisti e pubblico ci sarà l’avvento dei social media nella conferenza di Alberto Cossu dell’Università di Milano Prima e oltre i social media: la creazione dell’inatteso come logica di mobilitazione artistica, prevista per giovedì 13 ottobre alle 20:30.

La rassegna, che vede alla direzione artistica Marco Chenevier e Francesca Fini, ideatrice della manifestazione, sarà un percorso teso a creare un legame tra le nuove generazioni di cittadini, gli artisti e il territorio valdostano, per contrastare l’imperante consumismo che caratterizza l’arte performativa dei nostri giorni.

I cittadini possono mettere a disposizione una stanza per ospitare uno degli artisti che verranno alloggiati in formula chez l’habitant e in cambio dell’ospitalità l’organizzazione inviterà gli host ad assistere gratuitamente a due serate del festival a scelta.

Inoltre il TiDA-Théâtre Danse cerca volontari che ricoprano diversi ruoli, come assistenza nell’allestimento dei luoghi del festival, accoglienza artisti, accoglienza partecipanti ai workshop e spettatori e in cambio verrà offerto l’accesso gratuito a tutte le attività del festival compresi workshop e spettacoli.

La manifestazione è stata realizzata con il sostegno della Compagnia di San Paolo nel contesto della Scadenza Unica 2016 Performing Arts e con il sostegno del Consiglio regionale della Valle d'Aosta, oltre al patrocinio del comune di Aosta e vedrà il coinvolgimento di diversi partner: la Cittadella dei Giovani di Aosta, che ospita la manifestazione con L'Agrou onlus, Top Italia radio e la Compagnia Valdostana delle Acque.

Il programma completo è visibile su http://www.tidaweb.net/it-it/hidance 

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.