• Home
  • EVENTI
  • Usseglio Una mostra per Alberto Cibrario

Usseglio Una mostra per Alberto Cibrario

usseglio cibrario 1Dal 30 luglio al 2 ottobre il Museo Civico Arnaldo Tazzetti di Usseglio, in provincia di Torino, presenterà la mostra Alberto Cibrario. Un medico pittore tra Torino e Usseglio.

La mostra si colloca nel contesto di un ciclo di mostre che il museo, dal 2014, ha dedicato agli artisti di secondo Ottocento e primo Novecento delle Valli di Lanzo o che amarono frequentarle e raffigurarle, come Cesare Ferro Milone, Domenico Buratti e Vittoria Cocito.

Il progetto di esposizioni temporanee è nato grazie alle opere della sezione storico – artistica del museo, nata e cresciuta con donazioni private fin dall’apertura del Museo del 2004 e intitolata nel 2013 al più famoso pittore ussegliese, Cesare Ferro.

La mostra dell'estate 2016 è la più vasta dedicata ad Alberto Cibrario, ben 45 opere, accompagnate da documenti e fotografie provenienti dalle collezioni private torinesi.

Inoltre una sezione della mostra sarà allestita nel Rifugio Ernesto Tazzetti di Usseglio, come parte del progetto Arte in quota, che promuove l’identità della montagna come un luogo di cultura, contemplazione e ispirazione.

Alberto Cibrario era nato il 6 luglio 1877 a Torino, dove morì il 20 aprile 1962 ed è, con Luigi Cibrario, uno dei più noti membri della nobile famiglia originaria di Usseglio.

Laureato in medicina, lavorò come medico chirurgo, attività cui affiancò una fertile produzione come pittore.

Dopo gli studi artistici con Giacomo Grosso e Felice Carena, Cibrario iniziò a esporre nel 1907 e prese parte alle mostre della Società Promotrice di Belle Arti di Torino e del Circolo degli Artisti della città, oltre ad essere consigliere segretario della Società Amici dell’Arte e fu insignito della medaglia d’oro di Benemerito della Cultura e dell’Arte.

Il pittore – medico fu anche un illustratore di testi didattici e riviste di anatomia tanto che nel 1932 presentò alla Mostra del Libro di Torino una serie di disegni di anatomia e nel 1951 prese parte alla Mostra Internazionale dei Medici Pittori.

Inoltre Cibrario insegnò per trent’anni Anatomia artistica all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, di cui fu anche direttore.

Il percorso espositivo della mostra è diviso in cinque sezioni, I paesaggi, Gli interni, I ritratti, Le nature morte e Le tavole anatomiche, tutte le opere sono accompagnate da una ricca sezione documentaria, comprendente fotografie, lettere e pubblicazioni scientifiche di Alberto Cibrario.

Il legame dell’artista con il paese di Usseglio sarà testimoniato, oltre che dai piccoli paesaggi ussegliesi, da un’opera donata da Cesare Ferro a Federica Marchesi, il bozzetto a grafite preparatorio della tela d’ispirazione simbolista Silenzio del 1912, per cui Ferro usò come modella proprio la moglie di Cibrario, mentre La Madre di Felice Carena ricorderà un’importante amicizia di Cibrario.

Inoltre verrà presentata una recente acquisizione del museo, il dipinto di Alberto Cibrario La scrivania, risalente al 1937.

La mostra sarà accompagnata da un catalogo con testi di Daniela Berta, direttore del Museo Civico Arnaldo Tazzetti, dello storico dell'arte Gian Giorgio Massara e con la presentazione di Maurizio Cibrario, nipote dell’artista.

Il biglietto d’ingresso alla mostra costerà 3 euro intero, ridotto 2 e gratuito per titolari dell'abbonamento Musei Torino Piemonte e Torino + Piemonte Card.

La mostra sarà aperta il sabato e domenica dalle 14.30 alle 18, ad agosto dalle 10 alle 13.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.