• Home
  • EVENTI
  • Torino e Coazze Festival Nazionale Luigi Pirandello 2016

Torino e Coazze Festival Nazionale Luigi Pirandello 2016

pirandello coazze 1Dal 13 giugno al 14 luglio tornerà in Piemonte, tra Torino e Coazze, il Festival Nazionale Luigi Pirandello, diretto da Giulio Graglia, giunto alla sua decima edizione.

L’edizione 2016, che ricorderà anche gli ottant’anni dalla morte dello scrittore siciliano, premio Nobel per la letteratura,  sarà dedicata al tema del gioco del doppio.

Come sempre, il Festival abbinerà la tradizione del grande teatro di prosa alla cultura del mondo di oggi, tra prosa e dibattiti, reading, sport e incontri multitematici, in una serie di appuntamenti collocata tra Torino e Coazze, dove lo scrittore trascorse le vacanze nel 1901, ospite della sorella Lina, lasciando un delizioso taccuino con appunti su luoghi visitati e persone incontrate.

Il 13 giugno il Festival si aprirà con Pirandello VS Soriano, un dibattito sul tema calcio e letteratura, ideato con la Compagnia Pirandello Contemporaneo, l’unica compagnia teatrale brasiliana, diretta da Marta Ribeiro, che porta in scena le opere di Pirandello in Brasile.

Luciano Borghesan e Darwin Pastorin si cimenteranno in un testa a testa letterario in nome di Pirandello e Soriano con mediatore Sabrina Gonzatto, presidente del Premio Letterario Giovanni Graglia, mentre alle 19,30 scenderanno in campo i Pirandelliani contro il Toro Team Club per un’amichevole di calcio.

Per il 30 giugno al Teatro Gobetti di Torino, ci sarà Sporting, basato sul romanzo Independiente Sporting di Mauro Berruto e diretto dal regista e trainer teatrale Enrico Gentina in collaborazione con l’ex coach della nazionale italiana di pallavolo Mauro Berruto e la giornalista Elena Miglietti, sulla storia di Ernesto Che Guevara che agli inizi del Novecento allenò in Colombia la squadra di Leticia, cambiandola per sempre.

Altri appuntamenti da non perdere saranno Il ritorno del Premio Nobel a Coazze, un incontro surreale e divertente fra Pirandello e gli abitanti di Coazze, per la regia di Giulio Graglia con Giovanni Mongiano, con l’introduzione di Sabrina Gonzatto, il confronto Chiedimi come sto, previsto per il 16 giugno al Circolo dei Lettori di Torino, ispirato al dramma L’uomo dal fiore in bocca su come superare il disagio fisico e mentale causato da un dolore, mentre il 23, sempre Circolo dei Lettori di Torino ci sarà Di che gusto sei?, un incontro ispirato al taccuino dove Pirandello annotava la lista della spesa con i prodotti locali tra cui il burro, le castagne, il latte, il pane, oggi noto come il Taccuino di Coazze.

Il Festival si chiuderà il 14 luglio a Coazze, con la rievocazione dei passi del maestro in paese.

Tra le collaborazioni dell’edizione 2016 ci sarà quella con 1caffe.org, l’Onlus digitale nata a Torino per volontà di Luca Argentero e di un gruppo di amici allo scopo di aiutare le piccole associazioni non profit italiane, come l’Onlus Oasi di Don Aldo Rabino.

Inoltre, nelle gelaterie di Torino, in occasione del festival, il produttore di gelati e partner del festival Nivà proporrà il Gusto di Pirandello, una dolce crema, dove s’incontrano ricotta e fichi, in omaggio al grande maestro.

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.