• Home
  • EVENTI
  • Palazzo Reale Festa per lo Statuto Albertino

Palazzo Reale Festa per lo Statuto Albertino

statuto ballo torino 1Gli antichi splendori del Palazzo Reale di Torino rivivranno per tutta la giornata di sabato 5 marzo, infatti, sarà rievocato il grande ballo con il quale venne festeggiata la concessione dello Statuto Albertino, con cui Carlo Alberto dava vita alla Costituzione del Regno di Sardegna e poi fino al 1946 del Regno d’Italia.

Il 168 anniversario dello Statuto sarà una grande occasione per una grande festa rievocativa. 

Con la collaborazione del gruppo Historia Subalpina, venti figuranti in abiti storici si alterneranno nelle sale di Palazzo Reale, ballando sulle note di Gioacchino Rossini, Richard Strauss e Giuseppe Verdi, che furono il simbolo in musica del Risorgimento italiano.

Dalle 11 alle 12 e dalle 14.30 alle 18 verranno eseguiti valzer, quadriglie e contraddanze del tempo. Le danze saranno introdotte da brevi notizie su quel momento storico e, data la concomitanza con la Festa della Donna, ci sarà anche una parentesi alla condizione femminile nell'Ottocento.

La Costituzione del Regno di Sardegna, poi recepita dal Regno d'Italia nel 1861, venne adottata dal Regno sardo-piemontese il 4 marzo 1848 e fu considerata, nel Preambolo autografo dello stesso re del Regno di Sardegna Carlo Alberto la Legge fondamentale perpetua e irrevocabile della Monarchia sabauda.

Il testo rispondeva alle esigenze di rappresentanza espresse dalla classe dirigente liberale, infatti, il re restava responsabile unico dell'esecutivo, la religione cattolica veniva considerata la sola Religione dello stato e ai cittadini furono assicurate le libertà fondamentali.

Il potere legislativo veniva esercitato, invece, da due camere: un Senato di nomina regia e una Camera dei deputati elettiva, mentre al sovrano competevano solo la nomina e la revoca dei ministri, così come la nomina dei giudici.

Le manifestazioni popolari, 168 anni fa, iniziarono fin dall'8 febbraio ed ebbero il culmine nel Gran Ballo del 21 febbraio che si protrasse dalle 20 fino alle 2 del mattino successivo.

Nel corso della nottata vennero eseguite danze e movimenti tra i più in voga del tempo e a centinaia furono i partecipanti, come fu riportato dalle cronache dell’epoca.

Il biglietto d’ingresso al ballo costerà intero 12 euro e ridotto 6. 

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.