• Home
  • EVENTI
  • Ometto Spiritelli, amorini, genietti e cherubini

Ometto Spiritelli, amorini, genietti e cherubini

putti ometto 1Dal 19 febbraio al 5 giugno, presso il museo Accorsi di Ometto, in provincia di Torino, la Fondazione Accorsi - Ometto proporrà la mostra Spiritelli, amorini, genietti e cherubini, a cura di Vittorio Natale, sulla fortuna del tema iconografico dei putti, che anche se in passato aveva attirato l'attenzione di famosi studiosi, non era mai stato oggetto di un’iniziativa espositiva monografica in Europa.

Sotto le sembianze di spiritelli, amorini, genietti o di cherubini, i putti, che prendono spunto dall'arte antica romana, hanno avuto una vasta diffusione soprattutto a partire dal Rinascimento, in particolare durante il Seicento e il Settecento con funzioni decorative, ma anche allegoriche, e caratterizzando sia l'arte profana sia quella sacra.

La mostra presenterà ben sessanta selezionatissimi oggetti provenienti da collezioni italiane e straniere, pubbliche e private, ed è divisa in sei sezioni tematiche che sviluppano il tema dal punto di vista privilegiato delle committenze sabaude e piemontesi.

Nel percorso, che si snoda partendo dall’origine e diffusione del tema e attraversa le sezioni dedicate a Nelle vesti di Amore, Allegorie profane, Angioletti e cherubini, Giochi di putti, Putti e arti decorative, sono esposti dipinti, sculture in terracotta, in marmo, in legno policromo, mobili, stampe, bronzi e argenti.

Oltre ad opere anche di Guido Reni, Isidoro Bianchi, Bartolomeo Guidobono, Guglielmo Caccia detto il Moncalvo, Francesco Cairo, Francesco Ladatte, Vittorio Amedeo Rapous, Ignazio e Filippo Collino, in alcune sezioni c’e anche uno sguardo al contesto internazionale della pittura legata al mondo dei putti, con opere di Charles Amédée Philippe Van Loo, Camillo Rusconi e di Paul Heermann.

Il biglietto intero costerà 8 euro e 6 ridotto, la mostra sarà aperta dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.