Artissima 2015 a Torino

artissima 2015 1Da venerdì 6 a domenica 8 novembre, presso lo spazio Oval del Lingotto Fiere a Torino, torna la fiera internazionale d’arte contemporanea Artissima, che nell’edizione 2014 aveva attirato 50 mila visitatori, tra collezionisti, mercanti d’arte, curatori, critici e artisti.

Come sempre la fiera, che avrà per l’edizione 2015 ben 206 espositori, sarà divisa in 6 sezioni.

La prima è Main Section, con 133 gallerie internazionali tra le più note al mondo, tra le quali Pinksummer di Genova con le opere di Mariana Castillo Deball, Bojan Sarcevic, Tomás Saraceno, Georgina Starr, Superstudio, Cesare Viel e Luca Vitone, che hanno dato una svolta all’arte moderna italiana negli ultimi anni.

In New Entries, con spazi espositivi cha hanno meno di 5 anni di attività, c’è la possibilità di vedere come sarà il mondo delle gallerie d’arte tra dieci o vent’anni, grazie ad allestimenti davvero belli e originali.

Nella terza sezione, Present Future, sugli stand monografici di artisti emergenti provenienti da tutto il mondo, ci saranno 20 gallerie con veri progetti di artisti internazionali emergenti, scelti da un comitato guidato da Luigi Fassi, il curatore per le arti visive dello Steirischer Herbst Festival di Graz.

E grazie al Premio Illy Present Future uno di questi artisti potrà presentare il suo progetto al Castello di Rivoli, presso il Museo d’Arte Contemporanee, com’è capitato alla vincitrice dell’edizione 2014, Rachel Rose, che inaugurerà la sua mostra il 6 novembre proprio nel Castello di Rivoli.

La sezione più interessante è Back to the Future, con un approfondimento critico sugli artisti attivi tra i Sessanta e gli Ottanta, proponendo tra i 25 stand monografici la galleria Guidi & Schoen di Genova, con una personale del regista e fotografo statunitense Richard Kern, la galleria Cardelli e Fontana di Sarzana, con la mostra sull’artista Vettor Pisani, oltre a Vincenzo Agnetti, Pierre Klossowski, Nanda Vigo fino a Clegg & Guttmann.

Alla fine una giuria internazionale assegnerà il Premio Sardi per l’Arte Back to the Future alla galleria con il progetto storicamente piu convincente.

Nella sezione Art Editions ci sarà spazio per le gallerie esperte in edizioni, stampe e multipli d’artista, mentre Per4m, la sezione sulle performance curata da Simone Menegoi, lancerà un premio, il Prix K-way Per4m, per la performance migliore tra quelle presentate.

Inoltre ci sarà anche i Walkie Talkies, una serie di 12 conversazioni itineranti tra curatori e collezionisti su gallerie, artisti e opere, con note personalità come Ilaria Bonacossa, curatrice del Museo d’arte contemporanea Villa Croce,  assieme al collezionista Maurizio Rollando, e Francesco Garutti, curatore di THE VIEW Studio, assieme a Vittorio Dapelo.

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.