Torino Spiritualità 2015

torino spiritualita 1La nuova edizione della manifestazione Torino Spiritualità, che si terrà, dal 23 al 27 settembre in 35 luoghi del capoluogo piemontese, avrà come tema “L’impasto umano” che “cercherà con umiltà e consapevolezza” dice il direttore Maurizia Rebola, di spiegare il tema dolorosamente attuale del mondo di oggi, con un occhio particolare sulle migrazioni dall’Africa e dal Medio Oriente, che vedono centinaia di persona lasciare delle realtà davvero drammatiche alla ricerca di un nuovo mondo dove vivere meglio.

Nella manifestazione ci saranno ben 120 appuntamenti con oltre 150 interventi di altrettanti grandi pensatori, religiosi, intellettuali, scienziati, come Matthew Fox, fondatore dell’Institute of Culture and Creation Spirituality, l’arrampicatore estremo Manolo, il missionario Alex Zanotelli, il maestro buddista Sogyal Rinpoche, fondatore dell’associazione Rugpa, i rabbini Rav Haim Cipriani e Rav Giuseppe Laras, il coreografo belga Alain Platel e lo studioso americano Jonathan Gottschall.

Ma ci saranno anche conferenze, concerti, come quello dei canti sufi delle Deba Mayotte, che vestirono di bianco e viola e hanno le mani dipinte di hennpè e quello dei monaci tibetani del monastero di Tashi Lhunpo, spettacoli, happening, laboratori e molto altro ancora.

Inoltre ci saranno varie iniziative esterne, da lezioni di yoga e meditazione a vari laboratori con progetti per i più piccoli come “Fatti di terra, guardiamo le stelle” ideato dal Giubileo per la Cultura e collocato tra il Cimitero Monumentale e il Parco Astronomico Infini.to.

“Una miscellanea straordinaria nel nome della cultura più vera, quella che ha attinenza con i contenuti del nostro essere” dice Antonella Parigi, assessore regionale alla Cultura, che undici anni fa ideò la manifestazione.

Nella chiesa di San Filippo Neri, il 23 settembre, ci saranno i due eventi inaugurali, il primo sarà l’incontro “Cosa muove gli uomini?” in cui il direttore della Stampa Mario Calabresi, con alcuni inviati dai luoghi più caldi del mondo di oggi, spiegherà che cosa spinge molti a emigrare, ma ci sarà anche un occhio per chi ha uno sguardo tra pietà e cinismo su queste terribili tragedie.

Subito dopo si terrà l’incontro-concerto “L’imperfetta armonia”, con la partecipazione della scrittrice Michela Murgia e del Coro del Teatro Regio, sul Requiem di Mozart, punto ideale d’incontro tra il mondo reale e la sublime bellezza della musica di Mozart.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.