Toro batte Juve 2-1: Europa più vicina

derby_torino.JPGFinalmente il Toro batte la Juventus e si aggiudica il 191 derby della Mole, dopo vent'anni. Grande cuore, stadio gremito di tifosi, solo uno spicchio per i "cugini" bianconeri. Parte bene, la squadra di Ventura, con tutto il  sostegno dei suoi tifosi, anche da mezza Italia e dall'estero, quasi come ai tempi dei grandi derby, quando in campo Toro e Juve, si davano battaglia, fino all'ultimo minuto. Tante sfide, troppo spesso finite male, per i granata, interminabile attesa, per tanti tifosi, alcuni, i più giovani, vissuti all'ombra di anni difficili, senza il sapore di una vittoria, se non attraverso racconti e cronache.

 

 

 

Toro: 47 punti, come il Genoa, a 3 punti dalla Sampdoria e a 2 punti dalla Fiorentina

La voglia di vincere  c'è tutta. E il gol, provvidenziale, dopo l'ennesima punizione del solito Pirlo, al 35, arriva, splendido, infaticabile Darmian, il gol del meritato pareggio, al 45. Ma i 3 punti sono troppo importanti. Il Toro non si accontenta di un pareggio e  sfiora anche il terzo gol, annullato per presunto fuori gioco. Questa volta il Toro non vuole perdere. E l'incitamento alla squadra continua per tutta la partita, senza soste. Sia la Maratona che la Primavera, sono curve vestite a festa, nonostante il tempo un po' grigio, i fiori sono i colori delle sciarpe e delle bandiere che sventolano i tifosi che non vogliono né perdere né pareggiare. Alla fine, quando al 57 arriverà anche il gol del ex, Quagliarella, sembrerà fermarsi il tempo. E un posto per l'Europa forse più vicino. Peccato per le bombe carta, per il tentativo vano di offuscare un derby perfetto. Ma alla fine, abbracci per tutti ed  euforia in città, come una finale o uno scudetto. Anche questo è il Toro.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.