L'ospedale di Susa non chiude

L'ospedale di Susa non chiude

"Nessuno ha mai pensato di chiudere l'ospedale di Susa, sarebbe una follia. Il nostro obiettivo è di mantenerlo a tutti gli effetti": è quanto ha garantito l'assessore Antonio Saitta illustrando agli amministratori della Valsusa, riunitisi il 6 febbraio a Sant'Antonino, la riforma della rete ospedaliera piemontese. "Susa è classificato come ospedale di area disagiata - ha aggiunto Saitta - e quindi avrà un pronto soccorso h24, chirurgia, medicina, ortopedia-traumatologia, alcuni posti di osservazione breve intensiva.

Non ci sarà il punto nascite, e su questo non ammetto mediazioni, perché si tratta di garantire la sicurezza dei pazienti: laddove si fanno poco più di cento parti, non c'è sicurezza. Invito i sindaci che si sono rivolti al Tar - ha concluso - a riflettere che, quando si ricorre a un giudice, gli si chiede di applicare la legge. E secondo la legge, ovvero il Patto per la Salute, Susa non ha neppure i requisiti per essere ospedale di area disagiata. Non vorrei che per difendere un punto nascite, che comunque non ci sarà più, si comprometta il futuro dello stesso ospedale".

 
Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.