• Home
  • EVENTI
  • Al via la settimana europea della cultura a Venaria

Al via la settimana europea della cultura a Venaria

La Settimana europea della cultura Il summit dei 28 ministri europei della Cultura, in programma nella Reggia di Venaria il 23 e 24 settembre per delineare strategie comuni di sviluppo, soprattutto nei confronti dei giovani, incoraggiando produzioni transnazionali e scambi di opere, sarà un’occasione importante per far conoscere meglio il lavoro realizzato in questi anni a Torino e in tutto il Piemonte per proiettarsi sempre più in una dimensione mondiale.

Per accogliere al meglio l’evento sono state organizzate la Settimana europea della cultura e, nella serata del 23 settembre, la Notte blu della Cultura, che animerà Torino fino a mezzanotte, a cui si uniscono il 26 settembre la Notte dei Ricercatori e il 27 la Notte della Spiritualità.

Il comunicato del Sindaco Piero Fassino

La Settimana Europea della Cultura vuole essere una grande festa collettiva, con un ricco calendario di appuntamenti: mostre, convegni, aperture straordinarie, laboratori didattici, visite guidate e concerti. In questi giorni alcune piazze e monumenti della città saranno illuminati di blu in onore alla bandiera dell’Europa Unita. La suggestiva atmosfera luminosa è realizzata attraverso il posizionamento di pellicole blu su appositi proiettori o con l’applicazione delle stesse pellicole sui lampioni.

Il Vertice dei Ministri europei della Cultura che si svolgerà a Torino il 23 e 24 settembre è il più autorevole riconoscimento alla centralità che la cultura è venuta assumendo nell'identità e nella vita della nostra città.

Il ruolo di capitale - prima della dinastia sabauda, poi dell'Italia - ha consentito a Torino di accumulare nel tempo una solida tradizione culturale, ben rappresentata da un ampio patrimonio di Residenze reali, espressione straordinaria di architettura barocca.
Negli ultimi quindici anni tuttavia è avvenuto qualcosa di più e di nuovo: Torino - per un secolo città manifatturiera e industriale - ha conosciuto una significativa trasformazione della sua identità. Senza perdere il suo profilo industriale, la città è via via venuta arricchendosi di nuove vocazioni, tutte ruotanti intorno a sapere e conoscenza: Torino è oggi sede di centri di ricerca nazionali e internazionali; è città universitaria di eccellenza; è capitale di cultura con una ricca programmazione di eventi in ogni disciplina. E grazie al forte investimento culturale, Torino è divenuta una importante meta turistica.

Torino è dunque la dimostrazione di come la cultura sia un fattore costitutivo dello sviluppo, una leva che muove capitali, promuove l'applicazione di tecnologie, crea lavoro. E soprattutto cambia la qualità di un territorio, rendendolo attrattivo e accogliente. E per questo capace di offrirsi come attraente per ogni tipo di investimento e di attività.

Torino - città dove è nato il cinema italiano a fine '800 - è sede del prestigioso Museo nazionale del Cinema, del Torino Film Festival, del LGBT International Festival e del Festival Cinema Ambiente.
Torino è città "musicale" con un Conservatorio di grande prestigio, uno dei Teatri lirici italiani - il Teatro Regio - più antichi e prestigiosi , due Orchestre sinfoniche nazionali, eventi di grande qualità come Torino Jazz Festival, Mito Settembre Musica, Torino Danza.

Nella prosa la città vanta il Teatro Stabile, riconosciuta eccellenza nazionale e internazionale, e un ricco paniere di compagnie teatrali.
Nel campo dell'editoria Torino ospita da vent'anni il Salone Internazionale del Libro, a cui si affianca una ricca attività di promozione del libro e della lettura. A Torino è nata la scuola dell'Arte Povera e la città è sede di prestigiose istituzioni pubbliche - la Fondazione del Castello di Rivoli, la Galleria di Arte Moderna - e private - la Fondazione Sandretto, Merz, CRT - dell'arte contemporanea.
La città dispone di 45 musei, tra i quali il Museo Egizio (il secondo al mondo), il Museo di Arte Orientale, la Galleria Sabauda e il Polo Reale, Palazzo Madama e i Musei storici.

La storia industriale della città si ritrova nel Museo nazionale dell'Auto.

E, infine, Torino e il Piemonte - dove è nato Slow Food - vantano una tradizione gastronomica e culinaria che dà luogo a eventi culturali di rilievo internazionale, quali il Salone del Gusto e Terra Madre.
È questa Torino che accoglie i Ministri Europei e i tanti ospiti internazionali, con una "Settimana europea della cultura", ricca di eventi, mostre, manifestazioni. A tutti il benvenuto di Torino: una città orgogliosa della sua storia, che vive di cultura e ha nella cultura un tratto fondamentale della sua identità.

Piero Fassino
Sindaco di Torino

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.