• Home
  • CRONACA
  • Migliora la qualità dell'aria a Torino, i risultati dell'Arpa

Migliora la qualità dell'aria a Torino, i risultati dell'Arpa

aria migliora a Torino inquinamento Arpa foto by urbanpost.itQuesta mattina l'Arpa qualità dell'aria in Piemonte ha avuto un incontro con le Commissioni consiliari della Circoscrizione IV e V della Città di Torino, in seduta congiunta. In analisi il periodo 2013 e inizio 2014, che rivela dei miglioramenti. 

Il Direttore Generale dell'Arpa Angelo Robotto ha rivelato oggi i dati riguardanti l'andamento dei parametri di concentrazione degli inquinanti, in termini di serie storiche e di dati recenti. Il trend del 2013 si inserisce in un processo di miglioramenti, anche se, come rivela il Direttore: "Dei dodici inquinanti normati per legge, otto rispettano i limiti sul territorio comunale. La situazione rimane critica per quanto riguarda biossido di azoto, ozono, PM10 e PM 2,5. Tuttavia il 2013 si inserisce nel trend di miglioramento dell’ultimo decennio, tanto è vero che nel 2013 per la prima volta da quando si effettua la misura, la stazione di Torino Consolata ha rispettato il valore limite annuale del PM10”.

L'Arpa Piemonte gestisce il sistema di rilevamento della qualità dell'aria, garantendo l'informazione necessaria a diversi Enti. L'Arpa agisce secondo tre criteri di validazione, giornaliero, mensile e annuale, al termine di quest'ultima è possibile diffondere i dati consolidati per fine istituzionale. La rivelazione è monitorata attraverso 23 stazioni provinciali fisse con 100 strumenti di misura, la città di Torino ne ha 5 fisse, nella ZTL si trova quella di Torino Consolata, in un anno le stazioni producono più di 300.000 dati e sono prelevati 2.200 campioni sottoposti ad analisi. 

Nel 2012 il confronto con altre città europee (con stessi dati di PM 10  e PM 2.5, ha portato Torino ad essere considerata la città con il miglioramento più forte, anche se in situazione decisamente svantaggiata e critica dopo Sofia e Cracovia a causa delle condizioni atmosferiche che presenta la pianura padana. 

I 39 giorni di superamento delle soglie critiche per la salute rilevate nella stazione Lingotto nel 2013, causa accumulo di ozono, si rilevano in quantità ancora maggiore in città lontane dal centro urbano come Ceresole Reale (58 giorni di superamento) e Baldissero Torinese, con 88 giorni di superamento della soglia. 

A gennaio 2014 si è rilevato che il PM 10 risultava più basso rispetto a rilevamenti del 2010 e del 2012, ma Gennaio è stato il mese più piovoso degli ultimi anni. Infine un dato importante per chi si sposta in auto, i motori diesel secondo i dati dell'Arpa (a parità di omologazione) emette più ossido di azoto e più particolato primario. Su strada poi i valori schizzano alle stelle, insomma ormai non conviene più avere un diesel, il gasolio non costa così meno e a quanto pare fa molto più male all'ambiente. 

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.