Domenica a Mondovì per il Carlevé

la corte del moro - provinciagranda.itCarnevale è arrivato, oltre ai soliti coriandoli e maschere tradizionali sembra abbia regalato ai piemontesi temperature piacevoli per un tepore da festa che rispecchia a pieno il periodo di festeggiamenti.
Da oggi, e per circa dieci giorni, Mondovì festeggia il Carnevale con la Corte del Moro, la sfilata dei carri e dei gruppi mascherati. 

STORIA

Il Carlevè di Mondovì ha origine nel 16 secolo, il Moro saraceno invade la valle piemontese rifugiandosi presso la Torre dei Saraceni in alto su Val Tanaro, da qui inizierà la battaglia con l'Imperatore Ottone I, il capo dei Saraceni rapisce la Bela Monregaleisa che riesce a scappare e fonda la cittadina di Mondovì. Il Moro ogni anno raduna il popolo per i festeggiamenti, la figura dell'invasore berbero è presente anche sulla chiesa San Pietro al centro del paese, un archetipo del Moro realizzato da un artigiano nel 1850 circa è collocato sotto un baldacchino del piccolo duomo locale e fa parte tutt'oggi dei simboli monregalesi.

APPUNTAMENTI

Il Carlevè di Mondovì inizia sabato 22 febbraio alle ore 15.30 con l'inaugurazione ufficiale dei festeggiamenti e sfilata dei bambini delle scuole.
La sfilata dei carri allegorici attraverso tutto il centro città, da corso Statuto fino a piazza della Repubblica partendo da via Baretti, due appuntamenti con la sfilata dei carri: domenica 23 febbraio e domenica 2 marzo, in serata ci saranno poi le premiazioni per il carro più bello. Per poi concludere lunedì 3 marzo con il "Veglione dei Commercianti", una serata danzate con tanto di orchestra e appuntamento notturno con il Dj Set per i più giovani.
Il tutto organizzato con la Pro Loco e il Comune di Mondovì in collaborazione con l'associazione "Famiglia Monregalesa"

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.