• Home
  • CRONACA
  • Torino, gennaio anomalo per piogge e temperature

Torino, gennaio anomalo per piogge e temperature

Chi di noi non ha guardato il cielo plumbeo che da questo inizio anno si staglia con prepotenza sopra il capoluogo piemontese, esclamando “basta! Non se ne può più!”. In effetti i primi dati relativi al clima che ha imperversato durante il primo mese dell’anno parlano chiaro. Le precipitazioni registrate dall’Arpa Piemonte sono state nettamente al di sopra delle medie per il periodo (prendendo come riferimento l’asse temporale 1971-2000), soprattutto considerando che Gennaio per tradizione è sempre risultato uno tra i mesi più secchi dell’anno. I giorni piovosi registrati sono stati ben 15 a differenza dei 9 registrati in media. La precipitazione media sul territorio regionale ha raggiunto i 120mm, valore superato soltanto in altre 3 occasioni (1978, 1994 e 1997). Il giorno più piovoso è stato il 19 Gennaio, con oltre 14mm di precipitazione media rilevata. Che si sia trattata di un’anomalia climatica lo si può capire anche dal livello delle temperature, assai miti se si considera che si tratta del mese centrale dell’inverno. La temperatura media registrata è stata di 2.1 gradi sopra lo zero, collocando il mese addirittura al terzo posto dal 1800 ad oggi (solo nel 1804 e nel 2007 il tepore è stato ancora più marcato).

Clima regionale che riflette l'andamento nazionale. Un monito al rischio idrogeologico

Il quadro piemontese riflette un andamento generalizzato del clima nazionale. In molte regioni dello stivale il livello delle precipitazioni è stato elevato per il periodo ed in alcuni casi anche eccezionale come ad esempio in Liguria, Toscana e Friuli dove in alcune località si sono superati i 500mm di pioggia. È evidente che questa particolare situazione sia un vero e proprio campanello d’allarme per un territorio dove il rischio idrogeologico è molto alto. Il clima è cambiato, questo è chiaro. Sono molto più frequenti gli episodi violenti e le condizioni di criticità ed il nostro territorio per sua natura li soffre. Non sottovalutiamo questo aspetto perché la natura quando si prende i suoi spazi lo fa a caro prezzo.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.