• Home
  • CRONACA
  • I visitatori preferiscono i musei torinesi: +32% nel 2013

I visitatori preferiscono i musei torinesi: +32% nel 2013

Anche se siamo in un periodo di forte crisi, a Torino continuano a giungere ottimi risultati dal fronte turistico. Ad annunciarlo è stata Patrizia Asproni, presidente della Fondazione Torino Musei, durante la seduta del Consiglio Comunale svoltasi stamani al Palazzo di Città.

Secondo la dottoressa Asproni infatti, i dati relativi alle statistiche del 2013 in merito agli ingressi nei musei della fondazione, ovvero la Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea  (Gam), il Museo d'Arte Orientale (Mao), Palazzo Madama, la Rocca e il Borgo Medievale, avrebbero registrato un incremento del 32%. Nel corso del 2013 infatti i visitatori di tali strutture turistico – ricettive, sono stati ben 3 milioni e mezzo, una cifra molto significativa e incoraggiante che è quasi raddoppiata rispetto al milione e 800 mila biglietti staccati nel 2011.

Un grande successo dunque per la città di Torino che dal 2006 sta puntando molto sul turismo con un’offerta invidiabile che porta ogni anno sempre più turisti in città. Proprio qualche settimana fa Federculture ha attribuito alla città della Mole l’appellativo di “città più attrattiva d’Italia”, grazie all’ incremento delle visite del 427% negli ultimi 10 anni. Il dato rilevato da Federculture teneva conto non solo dei musei civici e statali, ma anche di altre attività culturali, come le mostre. Proprio nell'ultimo periodo del 2013 e ormai per pochi giorni ancora, ha riscosso un successo notevole la mostra su Renoir ospitata proprio alla Gam.

Durante il suo intervento in Consiglio Comunale, la presidente della Fondazione Torino Musei ha poi puntualizzato che non solo continua a essere necessario attrarre sempre più il turismo straniero, ma anche quella fascia di potenziali fruitori che generalmente non frequentano i musei. La Asproni ha poi concluso ribadendo ancora una volta l’ esigenza di accrescere l'autofinanziamento, che al momento continua ad attestarsi stabilmente all' 11%.

Sulla questione è poi intervenuto anche il Sindaco di Torino, Piero Fassino, che si è mostrato soddisfatto per il risultato ottenuto, ma ha poi affrontato una delle tematiche più dolenti per la Fondazione Torino Musei: il Mao, che necessiterebbe o di una nuova sede (attualmente è ospitato nel Palazzo Massonis, nel centro storico di Torino) oppure dell’erogazione di un nuovo finanziamento, corrispondente a 4 milioni e mezzo di euro da suddividere in tre anni.

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.