Torino, convegno sulla giornata del malato

Il consueto Convegno diocesano per la Giornata Mondiale del Malato, è organizzato dall'Ufficio diocesano Pastorale della Salute, in collaborazione con la Caritas Diocesana, la Piccola Casa della Divina Provvidenza, il Centro Camilliano di Pastorale Sanitaria e l'Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio "Fatebenefratelli".
Il convegno si terrà sabato 8 febbraio 2014 dalle 8,45 alle 13,15 presso il Centro Congressi Santo Volto in via Nole angolo via Borgaro a Torino.

Il titolo di quest’anno è: Fede e carità  "anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli" (1 Gv 3,16).

I lavori si aprono alle 8,45 con un momento di preghiera e una prima sessione di lavori moderata da
don Marco Brunetti, direttore diocesano dell'Ufficio Pastorale Salute. E' prevista una relazione introduttiva di Monsignor Cesare Nosiglia, Arcivescovo di Torino, a seguire interventi del docente di teologia Roberto Repole che si confronterà sul tema “Educati dal Vangelo alla cultura del dono”, e del professor Luigi Puddu, ordinario di Ragioneria all'Università di Torino che affronterà il tema “Dono, fraternità e società”.

Alle 11,15 la seconda sessione, moderata dal dottor Enrico Larghero, direttore del Master di Bioetica Torino, prevista in forma di tavola rotonda, dal titolo “creati per essere dono”. Sono in programma relazioni del dottor Mario Melazzini (Presidente Fondazione ARISLA), di Rosanna Tabasso (Fraternità Sermig) e di Pierluigi Dovis (direttore Caritas diocesana). I lavori si chiudono alle 13,15 dopo un momento di dibattito e interventi assembleari.

In concomitanza , sabato 8 febbraio si celebra la XIV Giornata di raccolta del farmaco presso le farmacie aderenti, a favore di associazioni e di enti assistenziali convenzionati con la Fondazione Banco Farmaceutico.

Anche l'Arcivescovo Monsignor Cesare Nosiglia aderisce alla raccolta dei farmaci recandosi presso una farmacia per effettuare l'acquisto.

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.